1. Un'ora... di piacere.


    Data: 18/05/2017, Categorie: Autoerotismo, Sensazioni, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Avevo voglia di cazzo. Lo sentivo dentro, le viscere attanagliate in una dolce morsa. Ero stesa sul letto, il giorno dopo avrei dovuto sostenere l’esame di letteratura italiana eppure non riuscivo a fare a meno di strusciare la mia figa contro il materasso che lentamente iniziava ad impregnarsi del mio odore. Mi bagnavo, lo sentivo e più cercavo disperatamente di imparare Goldoni e più mi strusciavo contro le fresche lenzuola del mio letto. Mi mordevo le labbra, in testa un solo pensiero: voglio scopare e farmi fottere così violentemente da non capire più chi sia. Ma sfortunatamente non vi era nessuno che potesse accontentarmi… Il cuore mi batteva forte mentre lentamente, con una mano, iniziai ad accarezzarmi la figa grondante dei miei umori. Uhmmm… al solo pensiero mi eccito di nuovo. Il bacino non smetteva di muoversi, dandomi quel dolce, sottile, piacere che tanto mi piaceva. Ripensandoci avrei potuto chiamare facilmente un ragazzo del terzo piano a darmi “una mano”, ma in quel momento non ci ho pensato. Comunque… puntai i piedi contro la testiera del letto ( ero messa al contrario ) e iniziai a massaggiarmi delicatamente l’ingresso della mia figa, le labbra gonfie ormai a furia di mordermele… Mi hanno sempre insegnato che toccarmi è un peccato… che non si fa… ma mi è sempre piaciuto il gusto del proibito… è per questo che, ansimando, ho scostato le mie mutandine e ho avvicinato il deodorante alla mia figa… e di nuovo a muovermi… godendo come una porca di quel contatto… ...
    Dio, volevo non finisse mai… e allo stesso tempo volevo darmi tutto il piacere di cui ero in grado… Lentamente ho iniziato a spingerlo dentro di me… Oddio mio… ecco, sono bagnata di nuovo… La sensazione di essere riempita è quella che mi piace di più… Dentro… Sempre più dentro… fino a quando non lo sento tutto dentro di me… Il mio punto inizia a palpitare… vuole di più… aspetta… sii paziente… ora ti darò tutto il piacere che desideri… Ricomincio a muovermi… E Dio… quanto mi piace… stringo i muscoli della figa attorno al deodorante e inizio a farlo scivolare dentro e fuori… dentro e fuori… in un gioco ritmico… quasi ipnotico, poi lo affondo dentro di me, forte mentre mi infilo le dita dell’altra mano in bocca, in fondo, come se stessi succhiando un cazzo… e diavolo quanto desideravo farlo… Mossi il deodorante dentro di me, in circolo, giocando con il mio punto sensibile più e più volte in una eccitante tortura… Ma non volevo più stare stesa… Mi misi in ginocchio sul letto, a pecorina…e di nuovo… fuori e dentro… come se mi stessero prendendo da dietro… Ansimo mentre mi penetro con il deodorante più veloce, sempre più veloce… Sento la mia figa pulsare, dolorante, ma non mi importa… voglio solo godere! Allargo le gambe mentre continuo a fottermi, desiderando che sia un cazzo a prendermi, o anche meglio più cazzi a farmi godere, il respiro corto e ansante… E continuo, continuo, mentre con l’altra mano mi titillo la clitoride, rossa e gonfia… Non ancora soddisfatta, mi stendo a ...
«12»