1. Quella porca di mia suocera


    Data: 03/06/2017, Categorie: Orge, Saffico, Dominazione, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Sono Laura, una ragazza di 27 anni già sposata da 6 mesi con Fausto che ha la mia stessa età.Io e Fausto ci siamo conosciuti ai tempi del liceo e come spesso accade conosco da molto tempo anche i suoi genitori, prima che divenissero i miei suoceri.Ricordo il primo giorno che li ho conosciuti, il padre un tipo silenzioso e docile, la mamma un tipetto tutto pepe, bellissima donna ( ora 61 anni ), bionda, capelli corti, naso alla francese, un seno grosso e sodo, due belle gambe tornite e un culotto bello abbondante, ma tonico.Presi subito confidenza con lei, mi mise subito a mio agio facendomi intendere che ero la figlia femmina che non aveva mai avuto. Insomma, io e la signora Stefania diventammo subito due ottime amiche.Ora, da quando sono diventata sua nuora e non più sua figlia (!!!), all'amicizia si è aggiunta anche la confidenza... e altro...Quest'estate al mare è successa una cosa che ha cambiato la mia vita e che tuttora ha dei risvolti, visto che da quel giorno ho iniziato a vivere la mia sessualità in modo totalmente diverso, anomalo e... perverso...Ero in vacanza con mio marito e i miei suoceri a Terracina dove loro hanno una casetta deliziosa a due piani con giardino. Non vicina al mare, anzi. Per raggiungere la spiaggia occorre prendere la macchina.Quel 16 luglio ( lo ricordo perfettamente ) fu una giornata molto calda, sotto tutti i punti di vista. La sera prima avevamo fatto tardi e non mi andava di andare in spiaggia, così decisi di rimanere a letto e salutai ... Fausto che invece insieme al padre andò molto presto.Facevano 38°C quel giorno d'inferno e neanche l'aria condizionata in stanza sembrava funzionare!Proprio per cercare di rinfrescarmi scesi al pian terreno dove c'è la cucina e mentre aprivo il frigo per una bibita arrivò mia suocera che era rimasta anche lei a casa.-Buongiorno Lauretta, sei rimasta anche tu? Pensavo fossi andata in spiaggia!-No Stefy, hai sentito che caldo? Meglio a casa, stiamo più fresche!!!-Hahahahah, dovremmo, e invece fa caldissimo, guarda come sono sudata io...e nel fare questa affermazione si aprì un pochino la camicia di lino leggerissima lasciando intravedere un seno lucido. A quella visuale non nego di avere avuto un'ulteriore botta di calore, il seno di Stefania è molto attraente, io e lei siamo fisicamente opposte. Io sono mora, magra, con un seno piccolo e dei capezzoli cicciotti e lunghi, un culetto tondo ma piccolino e ho la carnagione chiara.Mia suocera è una donnona e oltre a quello che ho già descritto prima è sempra abbronzata, tutto l'anno!-Che fai Laura, ti vergogni di guardare?-No Stefy, figurati. Dissi io.-Ti piace il mio seno? E nel dire questa frase, prese le grosse tette da sotto e le unì lievemente fra loro, sempre con la camicia addosso, ma con le rotondità lucide ed esposte che si toccavanoIo rimasi estasiata non tanto dal suo splendido seno, quanto dalla situazione surreale che si stava creando. Forse il caldo aveva dato alla testa a mia suocera che si stava esponendo così a me ...
«1234»