1. La rosa sull'armadio.


    Data: 06/06/2017, Categorie: Prime esperienze, Autore: LillySissygirl, Fonte: Annunci69

    Era da poco tempo che stavo iniziando a praticare il crossdressing. Da giovanissima ebbi qualche sporadico approccio con quello che era il magico mondo dell'abbigliamento femminile, in modo particolare di quello intimo. I collant velati, le sottovesti di raso e gli slip di pizzo trafugati ed indossati dai cassetti di mia madre, sebbene fossero inizialmente solo l'intrattenimento masturbatorio di un giovane adolescente in piena tempesta ormonale, stavano diventando il fertile terreno dove iniziava a germogliare il seme della mia femminilità, rimasto chiuso nel mio "cassetto interiore" da sempre, conscio tuttavia del fatto che prima o poi questo seme sarebbe stato piantato ed avrebbe germinato. I miei primi approcci da crossdresser furono disastrosi. Rossetto sbavato, fondotinta steso a chiazze, matite occhi che seguivano linee immaginarie, ombretto spalmato (non sfumato) e mascara applicato a grappoli. Per non parlare dell'abbigliamento, con accostamenti di colore insensati, capi superiori che non c'entravano niente con quelli inferiori e piedi che cercavano di calzare invadentemente scarpe la cui misura era palesemente quella più piccola. Mi osservavo nello specchio ed ancora non mi sentivo bella, ancora intravedevo un residuo della componente maschile che vedevo tutti i giorni. Sembravo infatti essere più un panda camuffato da clown piuttosto che una principessa in attesa del suo cavaliere. Ciononostante il desiderio sessuale finalizzato alla ricerca del maschio era in me ...
    maturo da sempre e già in passato aveva dato segno della sua presenza. Un giorno, poco più che tredicenne, mi trovavo nel magazzino di un mio coetaneo. I genitori erano proprietari di un forno e lui, all'interno di questo magazzino, nascosto tra la legna aveva una rivista porno che decise di farmi vedere come trofeo e prova della sua maturità sessuale. "Vieni! Ti faccio vedere una cosa" mi disse. Quell'invito aveva tutta l'aria per me di un'avventura imminente. Le avventure sono il motore della vita, è l'insieme di circostanze che fanno battere il cuore al limite facendoci sentire vivi e senza le quali tutto sarebbe come un cibo dal sapore piatto. Lo seguii. Entrammo nel magazzino e si avvicinò alla catasta di legna. "Tu guarda fuori e dimmi se viene qualcuno." mi ordinò rendendomi complice. E come un mago che tira fuori il coniglio dal cappello così tirò fuori una rivista che dai colori accesi dei titoli in copertina e le figure umane nude e aggrovigliate già lasciava intuire di cosa si trattasse. "E' un giornaletto porno!" esclamai io sorpreso e gli chiesi come se lo avesse procurato. All'epoca la pornografia per un minorenne non era così facilmente reperibile come oggi lo è su internet. "E' di mio padre. L'ho trovato per caso." rispose. Si sedette per terra con la schiena comodamente appoggiata al muro, si mise la rivista tra le gambe e cominciò a sfogliarla. GA_googleFillSlot("Annunci_300x250"); Io ero seduto affianco a lui, col timore che potesse arrivare qualcuno da un ...
«1234»