1. Tre settimane.


    Data: 07/06/2017, Categorie: Prime esperienze, Autore: IVAN-, Fonte: Annunci69

    Ada è sempre stata la mia scopamica, ed è anche un'amica fidata; Ada era single e scopavamo, Ada era fidanzata e scopavamo, Ada era sposata e scopavamo, Ada è vedova e scopiamo, Ada, Ada, Ada... Ada ha una graziosissima figliola, Martina, ed è proprio a causa di Martina che mi ha telefonato, un giorno, per dirmi se potevo tenerla a casa da me per qualche settimana, sai disse, devo andare in Australia dai miei zii e Martina non può lasciare scuola per tanto tempo, come rifiutarle un così piccolo favore e le dissi che poteva certamente farla venire anzi, aggiunsi, vengo a prenderla se vuoi, grazie mi faresti un graditissimo favore visto che sono occupata con i bagagli. Quando arrivai da Ada, Martina era ancora a scuola, mi accomodai sul bordo del letto guardandola sfaccendare con le valige. Ada mi è sempre piaciuta, è disinibita, raffinata, elegante e sexy, si muoveva avanti e indietro senza sosta ma con razionalità, sapeva esattamente cosa prendere e dove riporre le cose, ma cosa più importante è che era nuda, naturalmente nuda, non ostentatamente. Vederla abbassarsi per impostare le cose nel trolley o nel borsone era come vedere il paradiso, la sua figa e il suo culo erano li a portata di mano, lei non aveva alcuna remora nei miei confronti, la nostra intimità era a prova di bomba visto che siamo stati spesso anche in villaggi per nudisti-naturisti. Quando smise questo andirivieni era un po accaldata e si stese accanto a me me per rilassarsi un momentino, disse. E' magnifica ...
    con la sua pelle ambrata e le sue forme perfette, Ada ci tiene al suo fisico è una fanatica della lampada e della palestra, "mens sana in corpore sano" è il suo motto. La stavo accarezzando quando mi disse: Abbiamo quasi un'ora prima che torni Martina facciamo sesso? Era quello che pensavo e speravo, mi denudai in pochi secondi, le alzai le gambe e cominciai col leccarle la figa che sapeva leggermente di salatino, un salatino molto gustoso dato dal blando sudaticcio generato dai movimenti di prima, lei cominciò a contorcersi dal godimento datole dalla mia lingua sulla clitoride, le sue labbra cominciarono a pronunciare oscenità, poi volle essere scopata abolendo i preliminari. Fottimi, fottimi diceva, fottimi duro, il cazzo mi mancherà per un po, fammelo sentire fino in gola, fottimi e non ti fermare, fottimi anche nel culo, lascia che il ricordo di questa scopata duri per almeno tre settimane... Fu un'ora di sesso selvaggio, era già successo che lo facessimo così, era successo quando lei era fidanzata e quando era sposata, era successo per il poco tempo o per la grande voglia, era successo per il luogo poco consono o perché potevamo essere scoperti, ed è sempre molto eroticizzante, il sesso rubato era una nostra prerogativa. Martina tornò che erano quasi le due del pomeriggio, io non la vedevo da qualche tempo, si era fatta una bellissima creatura, frequentava il liceo ed era una donnina da girarsi per guardarla, era anche più bella di sua madre, venne verso di me e mi diede ...
«12»