1. Provocazione ( parte seconda)


    Data: 10/06/2017, Categorie: dominazione, Autore: Woland, Fonte: EroticiRacconti

    Poco dopo aver cenato, mentre mi ero già steso sul divano, davanti al camino cercando qualcosa di decente da guardare in tv, suonano al campanello. Le congetture fatte durante tutto il pomeriggio adesso trovavano il loro epilogo. Vado alla porta, apro e trovo Anna imbarazzata che accenna un saluto sommesso, la porto verso di me con una mano e le dico che sono contento di vederla. Mentre la osservo da capo a piedi, mi dice di aver pensato a lungo prima di prendere una decisione ma che infine qualcosa l' aveva portata da me. Anna indossa un completo molto elegante: Una giacca, sotto la quale non riesco ad intravedere nulla più che una camicetta bianca, sbottonata a sufficienza da far notare un superbo decolté, una gonna stretta sulle ginocchia ad incorniciare quelle che sembrano proprio due gambe ben tornite, sulle quali le calze nere col righino dietro dissolvono piano le mie incertezze circa le sue intenzioni, indossa inoltre scarpe nere di vernice col tacco alto, un ottimo espediente per mettere in risalto uno strepitoso fondoschiena tondo, lo ammiro di soppiatto, mentre la aiuto a levare il soprabito. Le offro da bere e ci accomodiamo sul divano. "allora, a cosa devo questa sorpresa?" dico per rompere il ghiaccio, "mmm...ti ho detto che sono molto curiosa, e poi non ho trovato motivi per non venire e così...eccomi qui". La ascolto ma devo ammettere che la mia lucidità svaniva tra il pensiero di quelle calze e la seria impressione che il suo seno tanto grande vinca la ... gravità così facilmente dato che, a quanto pare, non c'è nulla a reggerlo sotto quella camicetta leggera, che continua con la sua stoffa scivolosa ad impigliarsi sui capezzoli ad ogni movimento. Parliamo un po' delle nostre giornate, ma sento che il cazzo comincia a farsi strada oltre le mutande costeggiando la coscia e allora le propongo di fare un giochetto. "che giochetto dice lei?" rispondo " beh, puoi dire di no, ma il fatto è che posso solo mostrartelo, non posso spiegarti prima, mi sa che adesso tocca a te dimostrarmi con i fatti quanto è grande la tua curiosità", "così mi spaventi un po'" risponde lei, allora la tranquillizzo dicendole che voglio solo farla stare bene, ma che deve fidarsi e non fare altre domande. Dopo un sospiro un po' rassegnato mi guarda e dice" va bene, giochiamo". La faccio mettere in piedi, davanti al camino " e adesso?"mi fa lei, mi avvicino da dietro e le sussurro accarezzandole il collo:" Ho detto che non devi fare domande". Le chiedo di chiudere gli occhi, come una scolaretta mette avanti a se le mani giunte ed esegue, mi allontano e noto che cerca di sbirciare, così le dico" non puoi fare la furbetta con me, adesso dovrò bendarti". Lei torna in posizione chiude gli occhi regalandomi un sorrisetto smaliziato, prendo un fazzoletto dei miei, uno rosso di seta abbastanza grande per bendarla, ancora una volta mi avvicino a lei da dietro e la bendo, le sposto i capelli dal collo e le chiedo se sente il calore del camino, lei risponde di si e mi dice ...
«12»