1. Coppia di Regine


    Data: 11/06/2017, Categorie: Saffico, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    (Barbydoll)Io: Ma non puoi mandarci un altra? Chiunque? Sono già incasinatissima così!Capo: No! Ci vai tu e resti per tutta la manifestazione!Io: Ma che ci faccio 3 giorni laggiù?Capo: Qualche distrazione la troverai, mi stupirei del contrario. Non ci sono squadre di Rugby da quelle parti?Odio quella battuta, la fa tutte le volte che ne ha l'opportunità, odio che si sia saputo di quella mia stronzata... Odio esserci andata a letto qualche anno fa... Che ci faccio laggiù tre giorni? E poi, anche se fosse, certe cose non le faccio più, sto con Alessio adesso.Io: Sei uno stronzo. E piantala con questa storia, non sei più spiritoso da un secolo.Capo: Basta che ci vai e non mi rompi il cazzo.Io: Come se avessi scelta.Ma che ci faccio io laggiù... Non conosco anima viva... Non conosco una pizzeria... Tre gio... Un momento, lì c'è una persona che conosco! Virtualmente per lo meno.Apro le mail di Barbydoll e scrivo: Sei a casa l'otto il nove e il dieci? Mi mandano proprio giù da te, ci prendiamo un caffè? Mi porti a spasso?Dopo un paio d'ore m'arriva la sua risposta: Ma dai? Davvero? Sono a casa, non vedo l'ora!E di colpo la trasferta diventa un regalo invece che una punizione.In aereo, appoggiata al finestrino, guardo nel vuoto mentre mi aggrediscono la mente, non so se richiesti o meno, flashback dell'effetto che mi fece leggere quel racconto...una maglia bianca e una gonna nera.... riesco a vedere i suoi occhioni azzurri spalancarsi in un espressione metà sorpresa e metà ... sollevataLa sorpresa di riuscire a visualizzare tutta la scena.la destra scivola sotto la gonna nera e comincia un lento movimento stimolatorio, proprio all'altezza della sua fica.La mia, di mano destra, giù a fare esattamente la stessa cosa.Resto li, in piedi, completamente nuda, sentendo quasi fisicamente i suoiocchi che mi squadrano, da capo a piedi.Ed io, scossa da un orgasmo devastante, come mai m'era capitato prima, leggendo qualunque cosa.Un volo bizzarro, passato in un lampo, che mi ha lasciato scossa e accaldata.Ripensandoci adesso non saprei nemmeno dire di che cosa trattasse la manifestazione che avrei dovuto seguire...C'erano passerelle, una sfilata forse, c'erano fotografi e gente che parlava...Mi gira, verso la vetrata, e come una marionetta mi lascioposizionare come più lo aggrada.Appena i primi colleghi cominciano ad andarsene dalle rispettive postazioni, ritengo che sia possibile per me andarmene, mi ha detto di fare uno squillo sul suo cellulare e di aspettare al bar di fronte al teatro e così faccio, mi siedo al tavolino più isolato che c'è e ordino un Gin Lemon, ho bisogno di un po d'alcool per sciogliermi.Aspetto...Il mio cazzo è ancora dentro di lei e di sicuro le si sta agitando nelle viscere perché lei ansima preda di stimolazioni intensa.Aspetto..."Se continua così per due giorni, avrò bisogno di una settimana perriprendere le forze".. penso, sorridendo compiaciuta.Che mi prende... non riesco a non pensarci...Una voce leggera e dalla deliziosa cadenza ...
«1234...»