1. Ho fatto l'amore con mia figlia - Grazie mamma!- 4°


    Data: 12/06/2017, Categorie: Incesti, Autore: Anna madre incestuosa, Fonte: EroticiRacconti

    Ho finalmente fatto l'amore con mia figlia.Per essere più precisi è stata lei ad iniziare con un pompino magistrale per poi farsi sverginare e regalarmi poi due notti ed un intero giorno di sesso meraviglioso.Mi spiace esordire in modo così diretto e crudo ma non resisto più dalla voglia di far sapere a tutto il mondo la cosa meravigliosa che mi sta accadendo.Da quando sono stato contagiato dalla grafomania esibizionista(chissà se esiste questa sindrome)di mia madre non riesco a contenermi e la voglia di raccontare a tutto il mondo la storia che sto vivendo con mia figlia è più forte di ogni pudore o remora morale. Lo so,molti condanneranno questo mio comportamento incestuoso e d'altra parte,non è neanche la prima volta giacché da più di venti anni vivo nel "peccato" essendo l'amante segreto di mia madre che ho anche ingravidato facendole partorire la figlia protagonista di questo racconto. Quando ho telefonato a mia madre per raccontarle quello che era successo,lei sembrava impazzita dalla gioia e mi ha tenuto più di un'ora al telefono per conoscerne ogni dettaglio e per di più,mentre io le parlavo,lei si sollazzava col grosso strap-on che ogni tanto usa per il mio culo. Venendo al sodo questa è la successione degli eventi: °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°° Avendo dato tutti gli esami del primo anno alla facoltà di architettura di Bologna,mia figlia,nonostante che il ciclo di lezioni non fosse terminato,aveva preferito passare l'ultima settimana a casa ...
    per poter poi tornare a Bologna ed insieme a certi suoi compagni di corso,incontrare i docenti per studiare l'eventuale partecipazione al programma Erasmus e preparare un piano di studi per il prossimo anno accademico. Questo è il motivo per il quale in questo periodo è impegnata per quasi tutto il giorno. La mattina di mercoledì scorso,dopo la colazione al solito barettino,l'ho accompagnata in macchina nei pressi dell'università dove l'aspettavano alcuni suoi colleghi. Prima di scendere dalla macchina,mi aveva sorriso con la sua solita aria maliziosa e mentre mi timbrava la guancia col suo lucida labbra rosa tenue,mi aveva detto: "Fratellone preparati....ho una sorpresa per te stasera..." Non avendo alcun indizio e non riuscendo proprio ad immaginare il genere di sorpresa,sono stato accompagnato da una specie di ansia per tutto il giorno. La sera al mio rientro a casa lei era già lì. La stanza era illuminata solo da una lampada d'angolo che si diffondeva verso l'alto proiettando a soffitto i suoi caldi riflessi mentre la lampada della cucina illuminava parzialmente un tavolo apparso come d'incanto a ridosso della parete di fondo. Sino a quel momento in casa avevo notato solo il piccolo scrittoio che le serviva per studiare ma poi,osservando con maggiore attenzione mi ero reso conto che si trattava di un tavolo a scomparsa che nel retro nasconde un quadro che decora la parete e che,ovviamente,non c'era più.Il "magico" tavolo era già apparecchiato con un lungo runner di lino e ...
«1234»