1. Nonna Marcella 2


    Data: 14/06/2017, Categorie: Incesti, Autore: libertinoporno@gmail.com, Fonte: EroticiRacconti

    C’incamminammo, appena fuori vista nonna mi baciò, dopo avermi aperto la zip ed estratto Teodoro, come lo chiama lei disse: “L’altro ieri hai detto una verità, il tuo Teodoro porta assuefazione, sono poche ore che lo preso , già non ne posso più fare a meno” Spostai le mutandine, la penetrai, poi le chiesi di farmi una pompa, ma non era il suo forte, mi ripromisi di erudirla in un secondo tempo. Quando tornammo, era ora di pranzo, Marcella era stanca con il viso sfatto, mamma le chiese se era successo qualcosa, nonna restò in silenzio io dissi: “Marcella si è storta una caviglia lontano da qui, ha fatto tutta la strada zoppicando, ora è senz’altro distrutta dal dolore, nonna fece finta di zoppicare in modo che tutti ci credessero. Quella sera al momento di accomiatarsi dissi: “Pensavo di dormire qui, in modo che se nonna avesse bisogno d’aiuto non debba rivolgersi a nonno che è anziano” “Bravo, crescendo diventi anche responsabile” dissero i miei genitori. Ma io pensavo che avrei potuto accoppiarmi ancora con la donna dei miei sogni. I miei partirono, nonno disse: “Beh io vado a dormire, voi organizzatevi come volete” “Accompagnami nella stanza degli ospiti” disse nonna rivolgendosi a me. Appoggiandosi a me, sempre fingendo di zoppicare arrivammo alla stanza, entrammo, una volta chiusa la porta alle nostre spalle nonna si spogliò poi guardandomi disse: “Cosa aspetti, vuoi far attende una signora infortunata che ha bisogno di cure?” “Di che cure hai bisogno nonna?” “Ho ... bisogno di essere curata da Teodoro per tutta la notte” “Ma se ci sente il nonno?” “Figurati, tra cinque minuti dorme, neanche le cannonate lo svegliano” Mi spogliai, salii sul letto ed incominciammo una battaglia, che ben presto ci portò al piacere più alto, non so se era per via dell’incesto o se per il pericolo di essere sorpresi dal nonno, ma quella notte tra noi c’era una libidine assoluta. Scopammo fino all’alba, poi ci addormentammo, alle 8.00 ero in cucina per un caffè, alle 8.30 mi raggiunse nonno, che come al solito si recava al frutteto, mi salutò, poi chiese: “Come vi siete organizzati ieri sera?” “Nonna a dormito nel letto nella stanza degli ospiti, io su una sedia accanto per accudirla” “E come sta la vecchia?” “Adesso dorme ancora, se quando si sveglia ha dolore, è meglio andare a fare una radiografia” “Pensaci tu!” “Ok nonno, pensavo se non disturbo di fermarmi qualche giorno qui da voi!” “Se è d’accordo tua nonna, va bene! Ora vado che devo accudire le susine” mi salutò e si diresse al frutteto. Nonno di lavoro produce frutta e verdura che poi vende ai commercianti della zona. Dieci minuti dopo mi sentii chiamare da Marcella, corsi nella stanza, la trovai ancora nuda, mi disse: “Ho dormito meravigliosamente, è stata una notte stupenda! Antonio è già uscito?” “Si! Andava al frutteto” “Ha detto qualcosa?” “Si ha chiesto come avevamo fatto per la notte?” “Non gli avrai detto che abbiamo dormito insieme?” “Si, tu nel letto e io su una sedia” “Ah” E ci ha creduto?” ...
«1234...8»