1. La puttana del gerarca


    Data: 14/06/2017, Categorie: Autoerotismo, Etero, Incesti, Saffico, Dominazione, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Mauro. Questo era il nome dell'uomo che aveva totalmente stravolto la vita di Rossella.Da quella sera al bordello qualcosa tra loro era scattato.Quello che era successo al parco aveva dato inizio ad un rapporto di dominazione sottinteso, ma mai confermato pubblicamente.Mauro era sposato, aveva famiglia ed una importante posizione al partito.Non era esattamente un donnaiolo, anzi spesso i suoi colleghi più "libertini" avevano criticato il suo carattere troppo formale e rigoroso.Nonostante questo aveva avuto diverse storie extraconiugali, tutte finite un poco tempo.Con Rossella era diverso. Era stato diverso fin da quel primo incontro.Anche se forse non ne era ancora consapevole.Era bella e non solo.I suoi occhi, la sua bocca, tutto il suo corpo emanava una forte sensualità che era ancora inespressa.Quella donna lo intrigava.Dapprima credeva che fosse una prostituta, poi, conoscendo la sua storia, l'aveva inquadrata e aveva compreso i motivi che l'avevano spinta a quel gesto.La desiderava fisicamente, carnalmente, ma voleva innanzitutto possedere la sua mente.Voleva dominarla.Rossella d'altra parte era affascinata da quell'uomo.Indubbiamente era piacente, sicuro di se' e terribilmente misterioso, ma di lui l'aveva colpita quel lato oscuro, quella sensazione di leggerle dentro che le trasmetteva.Erano un paio di settimane che i due si incontravano in un alberghetto fuori città per passare la notte insieme.In famiglia raccontavano scuse più o meno verosimili.Un giorno però ...
    Mauro decise di dare inizio al suo personale concetto di dominazione.Spiegò a Rossella, che avrebbe dovuto obbedire ad ogni suo ordine senza trasgredire o replicare in alcun modo.Le promise, che se avesse accettato le sue condizioni, ne avrebbe tratto piacevoli vantaggi.Rossella accetto', all'inizio un po' titubante.Il giorno dopo tornarono al parco.Era una domenica pomeriggio e le famiglie popolavano quell'area verde.Mauro ordino' a Rossella di avvicinare in qualche modo uno dei padri di famiglia e di fargli un pompino in qualche posto più celato del parco.Rossella era imbarazzata alla sola idea.All'idea di sedurre un padre di famiglia.Ma non voleva deludere il suo padrone alla prima prova e raccolse tutto il coraggio che aveva per riuscire a farlo.Punto' un uomo che passava il pomeriggio con una grande famiglia allargata, ma aveva l'aria annoiata.Gli passo' vicino un paio di volte, ammiccando di sfuggita.Le sue tette turgide ed il suo sedere alto e sodo fasciato nel vestito fecero il resto.L'uomo la segui' dietro un vecchio albero secolare, vicino il laghetto delle papere.Rossella lo osservava.Era un uomo sulla quarantina, non brutto, ma neanche affascinante.Se non fosse stato per la missione affidatale dal suo padrone, non lo avrebbe mai guardato.Decise di cominciare e mise in bella vista i suoi seni bianchi e turgidi, tirandoli fuori dal vestito.Poi si porto' una mano dell'uomo al petto, in modo che le solleticasse i capezzoli.L'uomo, che non credeva ai suoi occhi per poter ...
«123»