1. Lavoro da funzionario


    Data: 16/06/2017, Categorie: dominazione, Autore: sessoeamore, Fonte: EroticiRacconti

    Era una calda sera estiva quando il telefono squillò. -Pronto -Ciao, i documenti che hai presentato non vanno bene, dovresti ripassare qui in agenzia -Ma è tardi e io ero a quasi a letto, non possiamo risolvere domani? -No, mi dispiace, altrimenti non posso darti il via libera e la merce non può partire -Va bene, arrivo In dieci minuti la ragazza si preparò per tornare a lavoro. Faceva caldo e lei aveva voglia di sbrigarsi e tornare nella comodità della sua casa con aria condizionata. Quindi si buttò addosso un vestito bianco e leggero e un paio di sandali alla schiava ed uscì in tutta fretta. Forse senza nemmeno fermarsi davanti allo specchio, così da non riuscire a notare quanto quel vestito fosse effettivamente trasparente. Oppure ben consapevole della sua avvenenza voleva giocare , come faceva sempre. Una giovane donna che punta alla bellezza per sedurre. Ma che in realtà non cede mai. Erano quasi le 23 quando entrò in agenzia. La gonna svolazzava seguendo i passi rapidi e lei, decisa, entrò nell'ufficio del funzionario per mettere subito le cose in chiaro. -Dottore buona sera. Cosa c'è che non va? -Si sieda- rispose distratto, poi il funzionario alzò di scatto la testa dalle computer e capì in un momento di aver già vinto la partita. L'erezione fu immediata, ed esaltata alla vista dei capezzoli scuri che facevano bella mostra al di là della stoffa fina. Ma si diede un contegno, la giovane donna che aveva davanti, sempre così arrogante e saccente, meritava una cottura a ... fuoco lento. Troppo spesso se l'era immaginata nuda e inerme, completamente ai suoi ordini. Troppo spesso aveva pensato a come appariva in realtà quel corpo flessuoso è tutto muscoli, sempre nascosto sotto la ruvida divisa aziendale. Lei adesso era lì e nessun collega poteva correre in suo soccorso. Nessuno nei paraggi a disturbare. -Allora dottore, incalzò lei. Vorrei tornar e a casa il prima possibile, per favore, sono stanca. Si avvicinò alla scrivania, sporgendosi fino a poggiare i piccoli segni sul bordo del tavolo. -A che gioco stai giocando, ragazzina. Attenta che ti scotti. Il funzionario si alzò dalla scrivania avvicinandosi alla porta . Uno scatto secco le fece capire che era in trappola. Una trappola che si era cercata da sola e dalla quale era sicura di poter scappare indenne. -Dottore non le sembra di esagerare? Se voleva il mio corpo avrebbe potuto chiederlo. Sa, ho la fila alla mia porta , bastava che prendesse il numeretto . Così dicendo, la ragazza sciolse il nodo che tenga su il vestito e rimase completamente nuda. Lui, avvicinandosi, represse l'istinto di tirarle una sberla sul suo bel visino di ebano e spingerla subito sul tavolo. Voleva averla e sfogare il suo istinto bestiale. Voleva farla godere e piangere, implorare e soffrire. Ma ogni cosa a tempo debito. -Sei proprio una cattiva ragazza. Ma hai frainteso, io non voglio il tuo corpo, non subito, prima voglio la tua mente . Lei rimase un attimo spiazzata. Si aspettava la solita reazione: una mano dietro ...
«12»