1. MARGHERITA, CASSIERA DOMINATA E UMILIATA...


    Data: 16/06/2017, Categorie: Incesti, Cuckold, Orge, Saffico, Dominazione, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Mi chiamo Margherita, ho 46 anni e faccio la cassiera in un supermercato. Nonostante non sia più una ragazza ho un fisico ancora giovanile, anche grazie al fatto di essere alta 163 cm, magra e con una 2° misura di seno. Ma oltre al mio corpo minuto ed atletico, i miei punti forti sono i capelli neri che porto lunghi sino al collo e gli occhi scuri ed intensi. Mio marito dice che altro mio punto forte sono i miei piedi n. 36, che quando andavamo d'amore e d'accordo era solito curare con molta attenzione... E anche quando sono alla cassa del supermercato noto spesso alcuni clienti, di solito adolescenti e ragazzi piuttosto giovani, che mi fissano i piedi fasciati dalle calze bianche (o scalzi nel periodo estivo) e dalle ciabatte tipo infermiera. E quanti ragazzi ho conosciuto grazie al mio lavoro di cassiera: sia tra i miei colleghi sia tra i clienti...Sono sposata con Luigi, che ha perso da poco il lavoro ed ho una figlia di 20 anni, Giulia.Mio marito, che ha 50 anni, a causa della perdita dell'occupazione, è entrato in crisi, in depressione. Continui litigi, aumentati ed amplificati dalla crisi economica: a differenza di qualche tempo fa, non mi porta più a cena fuori, a prendere aperitivi. Per ripicca io non mi concedo più a lui. Quando di notte, a letto, si avvicina e inizia ad abbracciarmi e sfregarsi ...
    contro il mio corpo, io mi ritraggo di colpo. So forse di essere eccessiva, di sbagliare. Ma sono stufa di tirare avanti tutta la famiglia grazie al mio misero stipendio da cassiera. A causa di questa situazione, ultimamente tendo ad uscire da casa spesso, non appena posso. Per cercare di trovare svago e, lo ammetto, anche compagnia maschile. E, cosa che non avrei pensato mai sino a poco tempo fa, mi accompagno con ragazzi molto più giovani di me, per non volermi vincolare sentimentalmente. Inoltre, con ragazzi molto più giovani, riesco meglio a dare sfogo alla mia voglia di essere dominata brutalmente, violentemente. Probabilmente il mio è un riflesso condizionato, una sorta di incoscia autoflagellazione che mi voglio infliggere per i miei comportamenti.Tutta questa situazione, se da una parte mi crea eccitazione, dall'altra mi fa sentire in colpa. Anche nei confronti di mia figlia Giulia. Forse per reazione dei miei atteggiamenti, mia figlia ha preso a "sfidarmi", prendendo a frequentare brutte compagnie. Oltretutto sono preoccupata perchè mia figlia, nonostante abbia appena 20 anni, è una bellissima ragazza, già più donna di me. E' alta già 172 cm, un po' più robusta di me, una 4° di seno, 39 di piede.E non avrei mai pensato che, un giorno, me la sarei trovata insieme a me in mezzo a storie folli ed estreme...
«1»