1. Oh...Liza


    Data: 16/06/2017, Categorie: Prime esperienze, Autore: acdc, Fonte: Annunci69

    respiro alla velocità di un treno ..il letto si era spostato grazie alla nostra dolce danza dell’amore ..restammo abbracciati per minuti infiniti, ci guardammo increduli di quello che era appena successo ..ci baciammo fino quasi a soffocare non smettevo di accarezzarla Liza era la mia donna ora e meritava ogni mia coccola, ogni mio bacio, ogni mia passione Rimanemmo abbracciati come due amanti, pian piano i nostri respiri ripresero il giusto ritmo, non riuscivamo a dirci niente, nessuna parola uscì dalle nostre bocche per quanto eravamo sconvolti . Mi disse: “Ora ti devo pulire .ci penso io amore .”, prese in bocca il mio sesso di nuovo leccandolo da sopra a sotto per “pulirlo”, come diceva lei, toglieva con la lingua i residui del mio seme su di lui, e mentre continuava di colpo lui riprese vita .all’improvviso era di nuovo “sveglio” .guardandomi col suo solito sguardo mi disse: “Sai, ho sete adesso mi aiuti tu? Dissetami amore ”, prese ad andare di nuovo su e giù, mi stava facendo impazzire di nuovo, lo ciucciava con una maestria esagerata, la lingua girava intorno il glande facendolo diventare viola dall’eccitazione, mentre mi mangiava mi guardava, e questo mi faceva diventare matto e lei lo sapeva. Vedevo la sua testa andare su e giù sul mio sesso, creando un alone di piacere unico, intenso mi disse:”Voglio berlo tutto ...
    stavolta .dammi il latte amore, e io ti darò il mio”, con queste parole diminuì la mia resistenza arrivando al limite, “Sto venendo amore sii siiiiiii ..aaahhh” le riempii la bocca del mio sperma, il primo fiotto le arrivò in gola, il secondo sul palato, schizzai nella sua bocca una quantità esagerata di latte .ero distrutto, esausto, sfinito in paradiso. Venne vicino a me, e mi abbracciò, posando il suo seno sulle mie labbra, e dicendomi: “Eccolo amore, te lo meriti tutto, ciuccialo quanto vuoi, non fermarti, prendi il mio latte tesoro mio prendilo” e mi accarezzava la testa con un amore e una dolcezza unica .stavo in uno stato indescrivibile ero svuotato di tutte le mie forze e da tutta la mia ragione. Quella fu la prima di quei 4 giorni restanti che mancavano prima della sua partenza, facemmo l’amore ogni giorno, fino a quando dovette ritornare nella sua città, fredda e vuota. Diventammo due amanti eccezionali, privi di ogni tabù, ero il suo cucciolo e lei la mia maestra, avevamo scoperto i nostri segreti più nascosti, i nostri desideri mai espressi, eravamo fuoco puro, passione oceanica, ci promettemmo di non far passare altri 5 anni, anzi, le dissi che sarei andato da lei a trovarla dopo 2 mesi, e che non vedevo l’ora di bruciarmi di nuovo col suo fuoco, col suo corpo . Il piacere del paradiso, passando dalle porte del suo inferno. .
«12...5678»