1. "La vuoi vedere?"...ricordi di una esibizionista (parte prima)


    Data: 17/06/2017, Categorie: Etero, Trio, Orge, Saffico, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Salve, mi chiamo Anna e da quasi 40 anni sono un'esibizionista. Non fraintendete……non pensate che io sia una specie di zoccola che adesca i maschi agli angoli delle strade... sono una donna a cui piace mostrarsi in pubblico, nei luoghi opportuni, poco vestita o nuda con lo scopo di provocare chi mi guarda oltre a realizzare foto erotiche e sexy grazie a mio marito che crea le situazioni e mi fotografa durante queste esibizioni.L’ INIZIO Ho scoperto il sesso da giovanissima. Dopo qualche storia senza importanza ho incontrato quello che è il mio attuale marito e da allora è stata una esplosione di sesso che continua ancora oggi. Abbiamo avuto la fortuna di frequentare insieme l’università e di condividere lo stesso appartamento da studenti... lontani da casa potete immaginare quante occasioni abbiamo avuto di fare sesso, praticamente tutti i giorni... e con l'incoscienza della giovane età.... Lo facevamo ovunque capitasse, in ascensore, nei bagni dell’università, nella biblioteca, è capitato in un museo, sul campanile di una chiesa…….e non ci bastava mai. Una volta ci è capitato di farlo di sera in un giardino pubblico poco affollato, quando con terrore ci siamo accorti che qualcuno ci stava guardando. "Adesso arrivano i vigili e ci arrestano" abbiamo pensato... Superato il primo momento di sbigottimento, ci siamo resi conto che si trattava solo di un guardone che si stava masturbando vedendo le nostre evoluzioni erotiche. Claudio (il mio futuro marito) mi ha guardato come ... per chiedermi se la cosa mi dava fastidio. Al mio sorriso ha capito che la cosa non mi disturbava affatto, anzi ci ha dato una piccola sferzata di adrenalina, ci siamo sentiti come in uno spettacolo di cui eravamo i protagonisti. Iniziò così la piccola perversione del farmi ammirare……vedere come avevamo distrutto quel poveretto…mi ricordo di aver fatto veramente la porca... prendevo in bocca il cazzo di Claudio e lo gustavo mugulando mentre con la coda dell’occhio guardavo quest'uomo che se lo menava sempre più furiosamente. Mi eccitava essere guardata come non mai... anche Claudio era eccitato, tanto che mi disse di smetterla di succhiarlo se no sarebbe venuto subito. Mi levai le mutandine mostrando per bene il culo a quell’altro, con movimenti lenti perché potesse guardare bene e quando Claudio mi penetrò sollevai la gamba per fare vedere l’uccello che mi entrava e usciva dalla fica, lucido e gocciolante dei miei umori copiosi più del solito. Vedevo la mano dell’altro che si agitava sempre più veloce mentre Claudio si avvicinava all’orgasmo. Il suo cazzo uscì dalla mia fica e io mi inginocchiai ai suoi piedi appena in tempo per ricevere in bocca il suo seme con spruzzi abbondanti. Stetti ferma e guardai quell’uomo negli occhi…….notai solo allora che era di mezza età, congestionato in volto... aveva un pisello enorme, rosso come il peperone, probabilmente per la foga con cui se lo menava e la forza con cui si tirava indietro la pelle a scoprire la cappella... in quel momento ...
«1234...15»