1. Una famiglia ritrovata


    Data: 18/06/2017, Categorie: Trio, Incesti, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    situazione inedita, si sente piuttosto confuso e comunque non osa sbilanciarsi. Non può sapere cosa si muova nella testa della madre, la quale peraltro, sedendogli accanto, avvia un discorso un po’ tendenzioso:“Questa sera ti vedo un pò giù. Sbaglio o senti la mancanza di tua sorella?”Giuliano sgrana gli occhi intuendo benissimo l’allusione della madre, che difatti continua in maniera ancora più esplicita:“Certo, tua madre non è più giovane. Ma, se vuoi, posso sempre cercare di alleviare un po’ la tua tristezza … non credi?”Wilma pronuncia lentamente queste parole, mentre la sua mano accarezza la gamba del figlio sempre più su, fino ad arrivare alla patta. Qui sente subito il cazzo indurito e, senza alcuna incertezza, comincia a massaggiarlo aggiungendo:“Eh sì, vedo che hai proprio bisogno di sfogarti…. Tua sorella non c’è…. Vuoi che ci pensi la mamma?”.Giuliano è come paralizzato, chiude gli occhi e trattiene il respiro. Senza aspettare la risposta Wilma comincia ad aprirgli la patta avvicinando nel contempo il suo seno debordante al volto del figlio. Giuliano riapre gli occhi dinanzi a tanta magnificenza, fa uscire dalla scollatura quelle tettone opulente, sorprendentemente ancora piene e sode. Le soppesa, le strizza dolcemente, poi si attacca ai capezzoloni ritti e li ciuccia con avidità. Poi affonda una mano nelle coscione della madre e infila due dita nella sua ficona già umida.I due si ritrovano presto a masturbarsi a vicenda, fin quando Wilma lo prende per mano e, ...
    tirandolo in direzione della camera da letto, gli dice:“Vieni piccolo mio, andiamo di là…. adesso la mamma ti fa fare tutto quello che desideri”.Giuliano si lascia guidare sul letto e assiste rapito al più inatteso strip tease della sua vita. Wilma si libera in un baleno del suo abitino ed espone alla vista del figlio un corpo matronale voluminoso, ma ancora abbastanza tonico, con due tettone pendenti verso la pancia ma ancora elastiche, i fianchi avvolgenti e le chiappe pesanti, un pube pronunciato con una folta peluria ancora scura.E, mentre lui giace ancora imbambolato sul letto, la madre si cala su di lui, allarga le sue coscione e si impala su quel cazzo vibrante, facendogli una memorabile sega con la figa ed offrendo di nuovo alla sua bocca famelica i suoi capezzoloni scuri.Una scopata fantastica che Giuliano vive come un sogno. Ad un certo punto il giovane ribalta la madre supina e la cavalca all’impazzata facendola venire ripetutamente. Affondare nelle carni materne dà a Giuliano una sensazione indescrivibile di estasi; e spingere il suo cazzo in fondo all’utero della madre gli sembra come essere risucchiato nelle viscere della terra.Quando sente che è vicina l’eiaculazione, il giovane tira istintivamente fuori il cazzo, lo posiziona in mezzo alle tettone materne e sborra divinamente con una stupenda bolognese che la madre le pratica con una perizia insospettabile.Dopo qualche minuto di obnubilamento, a Giuliano pare di uscire da un incantesimo. Ed ora che si sono ...
«1...3456»