1. Notte prima degli esami


    Data: 18/06/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: Mitchell, Fonte: Annunci69

    ragazzo le sfilo' il dito dalla figa e se lo porto'alla bocca per assaporare il gusto del piacere di lei che nel frattempo ricomincio' a ciucciare con violenza indescrivibile, rapidissimamente, sempre piu' forte. I versi che lui fece combaciorono col momento in cui verso' nella bocca della ragazza un bel po' del suo seme. Lei continuo' a succhiarlo fino a toglierli tutte le forze. Non si sentiva piu' alcun gemito. La sete di piacere era stata appagata e la scena era finita. "Wee gente" dissi io "Ho una voglia di sborrare che non vi dico". Gli altri mi fecero capire che non ero il solo. "Farsi un segone è scontato" disse Giorgio. "E se facessimo un bel cerchio??" Ci fu un attimo di silenzio. Tutti noi sapevamo cosa fosse il cerchio ma non l'avevamo mai fatto. Io in passato avevo fatto un pompino a Paolo e lui a me e non so se tra gli altri quattro ci fossero state esperienze del genere. "Io ci sto" disse Andrea "Io pure" ribatte' Francesco. Io e Paolo annuimmo. Marco si senti' osservato da noi tutti perchè non aveva ancora risposto. "Ma daii, ma che schiifo!" disse. "Eddai quante storie Marco, non sarai mica una suora?" disse Andrea. "Ma che c'entarno le suore - rispose? - Io non l'ho mai fatta sta' cosa" "C'è sempre una prima volta - disse serio Francesco e continuo' - Dai, tutti di la'". Ci alzammo dal divano cominciando a spogliarci e ci spostammo nella camera da letto dei genitori. C'era un bel lettone matrimoniale di quelli moderni, forse un po' stretto per sei persone ... ma stringendoci poteva andar bene. Ormai eravamo rimasti solo in mutande. Ce le togliemmo e ci posizionammo in cerchio. Il cerchio non era altro che una posizione geometrica in cui ognuno di noi faceva parte della circonferenza con in bocca il cazzo di un altro. Io mi distesi per primo, Giorgio si mise dopo di me, Paolo dopo poi Andrea, poi Francesco. Marco fu l'ultimo a togliersi gli slip e titubava a sdraiarsi. Francesco gli urlo' "Ma allora?". Marco, lentamente, timidamente si distese tra me e Francesco. Francesco avrebbe succhiato Marco e Marco me. Mi divertiva un po' sta cosa, dare il cazzo in bocca a qualcuno che faceva tante storie per fare un bocchino. E credo che tra noi fosse l'unico a non averlo mai fatto. Fu troppo rapido e immediato il consenso degli altri per pensare non avessero mai avuto esperienze di questo genere. Ma non dovevamo fare il riassunto delle nostre esperienze, eravamo li' per mettere in moto il cerchio e da padrone di casa fu Francesco a schiacciare il tasto Play. Comincio' a spompinare colui che aveva vivino alla faccia e cioè Marco, la suora, che si lascio' andare ai versi piu' disparati di piacere. Cominciai a giocare col cazzo di Giorgio, lo annusai, non sapeva certo di sapone ma aveva un odore intrigante, glielo abboccai e giu' altri gemiti, altri versi strani. Poi Giorgio comincio' con Paolo, Paolo prese in bocca Andrea e Andrea Francesco. Per chiudere mancava Marco. Dopo mille tentennamenti si decise prima a masturbarmi lentamente, poi dopo ...