1. Un sogno rubato!


    Data: 18/06/2017, Categorie: Dominazione, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    tesegno inconfondibile della sua eccitazione, della sua vogliaancora Lui chiede, pretende risposte“vuoi godere piccola puttana? Vuoi esplodere in un orgasmo? Vuoi gridarlo con tutta la tua voce?”E non sai che rispondere “… si … si … si”Più stretta la Sua presa sui tuoi polsiPiù deciso il Suo sguardoPiù fredda la Sua voceGuardandoti e ripetendo“ferma e zitta”e la Sua mano ora è tra i capelli di leila Sua mano ora la guidala sposta dalla tua figa, la muove sul tuo corpo, la vedi oragli occhi sbarrati, lucidi di eccitazione, il respiro affannoso mentre lecca la tua pelle, assaggia il tuo sapore, bagna di umori il tuo corpoed è come se fosse Lui a baciarti, leccarti, toccarti, attraverso leivedi i suoi capelli scuri contrastare la tua pelle candidasenti la sua saliva lasciare strie umidementre Lui si china a sussurrare a lei“masturbati”e già la sua mano scivola tra le cosce, sai bene cosa trova, cosa sentelo leggi nei suoi occhi ora, le senti nel tendersi dei suoi muscoli, nel muoversi più affamato della sua lingua ancora tra le tue cosce, nei mugolii che non sa e non deve trattenerecazzo perché lei si…attraverso le sua bocca rubi la sua voglia ed il suo piacere, senti la sua voce soffocata chiede il permesso di un orgasmonella mente le urli “NO”ma la voce di Lui, con tono perfido sussurra un semplice “si” ed esplode la sua voglia, il suo piacere, il suo orgasmospinge il viso contro la tua figai suoi sussulti sono masturbazioni violente per te, i suoi gemiti rochi sono carezze ...
    eccitantispalanchi gli occhiimplori in silenzioguardandoLoe finalmente, sorridendo, il suo “si”“ora piccolina, ora fottiti contro lei, ora scopale il viso, ora afferralo tra le mani e falla tua, ora dille e dimmi ciò che sei e vuoi”e non serve altrole tue mani ora sono tra i suoi capelli, le tue dita stringono premendola contro te, ora sei tu attrice e le tue parole urlate lo testimonianoparli a lei ed a te stessale chiedi la lingua, le chiedi labbra e dentile chiedi di fotterti e bertile chiedi di darti ciò che già lei ha avutoma i tuoi occhi sono solo per il tuo Padrone, persi in lui, donandogli tutto questofino a quando la mente si vuota, fino a quando il corpo tremae nel nulla del piacere senti la Sua voce sussurrare“ora piccolina, ora puoi”e il tuo urlo copre il silenziostringendola contro te fino quasi a soffocarla tra le cosceper poi abbandonarti su quel lettoil corpo ancora scosso da sussulti che non sai controllaree non vuoi controllaree lentamente Lui guida il capo di lei verso tela senti scivolare sul tuo corpocogli fremiti nei suoi muscoliincontrollabilisenti il suo respiro arrestarsi e riesplodere, per arrestarsi di nuovosenti le sue cosce avvolgere la tua gamba e premere con forzastrusciarsiscoparsi contro la tua cosciabagnandola di umori, piacere, vogliae capisci che il tuo piacere le ha provocato un nuovo orgasmoun orgasmo rubato questa volta, non concesso, e sai bene che pagherà per questole sue labbra sulle tuemescolando sapori ed odoriin una infinita, dolce ...