1. Il mio amico Luca 2° parte


    Data: 18/06/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: betou1957, Fonte: Annunci69

    tocco anche il pisello tanto disse nessuno faceva caso a caso noi .- Arrivammo a casa sua, dove ci attendeva sua mamma il pranzo era già pronto sua sorella Nika (diminutivo di Veronica) di due anni più vecchia di Luca stava già mangiando ci salutò e ci accomodammo in tavola .- Mangiammo sua mamma disse che sarebbe uscita con Nika e che sarebbero ritornate verso sera tardi le otto circa con papà che dovevamo comportarci bene e che non dovevamo uscire .- Mi scappava la cacca chiesi il permesso di andare in bagno Luca mi accompagnò in camera sua mi diede una salvietta pulita e se uscì .- Io feci la cacca poi mi lavai per bene sul bidè avevo paura di sporcare i boxer bianchi e me ne uscì dal bagno, andai in cucina e vidi che sua mamma e Nika erano pronte per uscire erano piene di pacchi Luca si offri di portare un po’ di roba in macchina e così fece .- Al suo rientro in casa mi venne vicino mi abbraccio e mi baciò sulla bocca con la lingua .- Fu molto dolce quel bacio .- “ Scusa e la sorpresa?” feci io .- “Aspetta un momento siediti sul divano e aspetta e così feci .- Passarono circa venti minuti avevo infilato il dito indice nella patta dei jeans e mi stuzzicavo il pisello era già un po’ gonfio, mi piaceva quel toccarmi sopra i boxer attillati era una dolce tortura. .- Sento dei passi alzo lo sguardo e vedo Luca .- “ Cazzo ma sei vestito da donna dove hai preso quella roba?” “E’ di mia sorella” rispose, “ Sei bellissimo o devo dire bellissima” “Fai come ti pare” .- Si era ...
    messo una maglietta nera con delle perline che gli arrivava all’ombellico una mini anch’essa nera attilattissima , un paio di calze nere a rete autoreggenti e si intravedevano un paio di slip neri che più tardi scopri che era un tanga.- “Ma stai benissimo ma da quand’è che ti vesti da donna ?” “Da un paio d’anni” fece lui .- “Ed ora chiamami Lucia se ti va” “Certo che mi va Lucia tanto è solo un gioco, non è vero?” “Si è solo un gioco dai andiamo in camera mia Paolino”.- “Certo Lucia andiamo in camera tua “ Entrammo in camera e si in ginocchio davanti a me mi slaccio la cintura e aprì i miei pantaloni mi accarezzava il ventre fin sopra i boxer ma senza toccare il pisello che oramai era già in tiro .- Mi fece scendere i jeans io sollevai una gamba per volta per farli uscire e intanto mi appoggia la ano sul pisello mi fa i complimenti per i boxer e piano piano molto lentamente cominciando da sopra e rivoltandoli me li sfila .- Alzo di nuove le gambe per liberamene intanto lui si ritrova il mio pisello duro davanti alla faccia mi mette una mano in mezzo alle gambe e sale fin su a toccare i testicoli Mi allarga bene le cosce e con l’indice mi sfiora il buco del culo poi con l’altra mano mi prende il pisello e me lo scopre e lo riscopre lentamente comincia a masturbarmi .- Un casino non mi reggo in piedi ma sono in mano sua il dito entra sempre di più nel buchino e con l’altra mano mi masturba sempre più velocemente che sto per venirmene lì lì, e quando se accorge lo prende in bocca, ...