1. Un camionista e una ragazza


    Data: 18/06/2017, Categorie: Etero, Autoerotismo, Sensazioni, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    ancora aleggia nell'aria. Solo ora, dopo essersi scontrato si rende conto di quanto fossero morbidi i suoi capelli e di quanto fosse splendido il suo viso.Come se non bastasse, di schiena mentre si allontana da lui, non può far altro che esclamare dentro di se << Che culo !!!>> .Nel mentre che guida per tornare verso casa, l'uomo pensa ad un modo per recuperare questa occasione, per sfruttarla e casomai, poter conoscere meglio la ragazza, poterci parlare, poter sapere qualcosa in più su di lei…. chissà....Poi, mentre è nel deposito, spegnendo il mezzo e raggiungendo la propria auto con la quale poter tornare a casa, come un flash, gli viene in mente un'idea, anzi, quasi un obbligo morale.Sono le 19.30 quando a tutta velocità cerca di raggiungere il più vicino centro commerciale che rimane aperto fino alle 20.00 e dopo essersi fiondato nel primo negozio di elettronica, non ci pensa due volte.Sceglie il cellulare più bello, costoso e pieno di ogni tipo di optional. Basta una strisciata del suo bancomat e mentre gli addetti del negozio iniziano a chiudere le serrande, contento, con il sorriso sulle labbra, esce nel parcheggio sicuro che il regalo piacerà.Il giorno seguente, mentre viaggia continua a buttare l'occhio sul sedile del passeggero, dove un pacchettino nastrato ed incartato, attende di essere consegnato.Questa volta però, una volta raggiunta la solita piazzola, scende di proposito dal mezzo e scalpita durante l'attesa.Il sole è alto nel cielo e caldo come non mai, ... quasi arrostisce e si deve per forza riparare all'ombra della grossa cabina per non morir di caldo.Poi eccola, in lontananza, quella figura familiare inizia a farlo scalpitare dall'attesa che sia di fronte a lui. Ancora a notevole distanza, inizia a salutarla con la mano e quando finalmente le è di fronte, la ferma.- Senti, mi volevo scusare per l'inconveniente di ieri. Sono mortificato, veramente. - dice tutto di un fiato, con il sorriso stampato sulle labbra.- Ma che c'è da scusarsi, figurati! Non l'hai fatto apposta! - dice sorridente la ragazza, mostrando una dentatura perfetta, di un bianco quasi sgargiante.- No dai, veramente. Non posso così…. devo farmi perdonare, vieni un secondo! - dice invitandola a seguirlo fino alla portiera del passeggero.- Ecco tieni. Questo è per te. Spero così di essermi sdebitato – afferma l'uomo dopo aver preso il pacchetto posto sul sedile.La ragazza confusa rigira nelle mani quella scatola e poi, dopo averlo guardato interrogativa, inizia a strappare la carta regalo. La sua faccia però, cambia subito di espressione appena intuisce il contenuto.- Ma tu sei pazzo! Ma questo è per me???? Ma costa un sacco di soldi e poi....- sospira – ...e poi è stupendo.. - sospira ancora - .. non ho mai avuto un cellulare così – afferma quasi in estasi per la sorpresa.- Ma va, figurati. È il minimo che potevo fare. Ma se vuoi siediti, ho l'aria condizionata, almeno ti rinfreschi a puoi aprirlo con calma – dice l'uomo invitando la ragazza a salire al posto ...