1. Il re del sesso, un'esperienza memorabile


    Data: 18/06/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: Difficilissimo, Fonte: Annunci69

    ogni giorno, avevamo fatto l'amore con la solita passione infinita, provando posizioni e sensazioni nuove. Con lei era sempre favoloso e mi ritrovavo, a fine rapporto, sempre senza fiato e privo di energie. Lei solitamente si accendeva una sigaretta o una canna e restavamo a lungo a parlare. A volte ci veniva voglia di rifarlo, altre restavamo soltanto in quella posizione, magari a coccolarci ma continuando con le argomentazioni, che spaziavano veramente in ogni genere possibile. Anche stavolta ci trovammo a dialogare tra noi, il nostro rapporto si stava facendo sempre più profondo e non c'erano grandissimi segreti se non il fatto che mentre stavo con lei mi sbattevo Andrea e Gheorghe. Sapeva del fatto che ero bisessuale, magari pensava che non esercitassi più la cosa ma per il resto gli avevo confidato dei miei precedenti, senza turbarla minimamente. Come può capitare in una coppia, a volte anche giusto per autolesionismo, gli chiesi qual era stata la persona col quale aveva scopato meglio in vita sua, me escluso comunque. Senza pensarci molto mi nominò Alex. Per inciso Alex era un mio amico di infanzia sul quale non basterebbero decine di racconti per spiegarne la figura e la perversione. Accennai a lui in un racconto sulla mia infanzia in quanto fu il primo ragazzo con il quale di fatto mi segai a vicenda e insieme passammo alcuni anni importanti a divertirci con ragazzi e ragazze. Era un porco, questo sicuramente, e da ragazzino era anche bellissimo, anche questo era un ...
    dato di fatto. Da quasi tutte le ragazze considerato il più bello della scuola, icona gay di tanti ragazzi per via anche della sua mai nascosta bisessualità, vantava senza problemi di aver avuto rapporti con maschi, femmine, transessuali e perfino qualcosa di incestuoso con la sorella. A lui piaceva collezionare “vittime”, poco gli importava quale fosse il sesso o la bellezza di esse, basta che gli assecondavano tutte le decine e decine di perverse fantasie che aveva. Io ci ero stato per molti anni grande amico, poi ci eravamo staccati senza un vero motivo, mi iniziai a sentire a disagio ad uscire con lui, lo vedevo troppo perso nella sua ormai chiara malattia sessuale. Non so se fosse realmente ninfomane, ma sicuramente qualcosa di simile. Selena mi raccontò nei dettagli dei loro incontri, che iniziarono ai tempi del liceo, proprio nel periodo in cui mi aveva respinto. Mi disse che passava almeno un pomeriggio a settimana a farsi sbattere da Alex e che era un vero toro nonostante le misure non proprio extralarge. Era la chiara ed evidente dimostrazione di come si può saper usare il cazzo al cento per cento delle possibilità anche senza aver ricevuto chissà che doni generosi dalla natura. Devo ammettere che, mettendo da parte l'ovvio fastidio del racconto, la cosa mi eccitò da morire e finimmo per fare sesso abbastanza violentemente. Quando lasciai la casa di Selena mi soffermai a lungo a pensare ad Alex: sapevo che si era scopato tanti miei ex compagni di letto, tante ragazze ...
«1234...8»