1. How nice #1


    Data: 18/06/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: MonkeyDLuffy, Fonte: Annunci69

    un mio compagno, il suo atteggiamento cambiò in modo radicale, non sembrava più lui. - In quel momento crollo e inizio a urlare : " Cazzo ma è così evidente! lo hai capito anche tu che il problema erano le tue scopate! E' dal primo giorno che ti sbavo dietro! Ti faccio ripetizioni di inglese quasi tutte le settimane per starti vicino e nonostante ciò non te ne sei mai accorto! ". Mi rendo conto di avergli appena detto che mi piace. La sua espressione inizia a cambiare, sembra schifato, triste, stupito, non lo capisco. L'unica cosa che riesce a dire è " E' vero? ". Io gli rispondo con un debole " Si " - " Cazzo e io che credevo di essere diventato matto ", terminata la frase inizia ad avvicinarsi, non capisco cosa vuole fare e provo a ritrarmi, ma lui mi prende le spalle e mi tira a sé, poggiando le sue labbra sulle mie. E' il mio primo bacio, non so che fare. Mi sento piccolo, lui sta dominando la scena. Cerco la sua lingua, e così iniziano ad intrecciarsi. Sembra quasi surreale, siamo alle nove di sera, al freddo, a baciarci dopo aver appena finito di urlarci contro. Si stacca da me e mi chiede : " Non dirmi che è la prima volta ". Vorrei diventare invisibile, ma a quanto pare non posso, quindi gli rispondo di sì. Una domanda mi sorge spontanea : " Scusa, ma io pensavo fossi etero... Sbavi dietro a tutte le fighe che incontri... " E lui mi spiega : " In realtà sono bisessuale, anche se non volevo crederci, ma tu sei riuscito a farmelo accettare ". La mia timidezza prende il ... sopravvento, così inizio a guarda altrove, quando lo sento interrompere il silenzio e dire : " Allora... Vogliamo provarci? " - io : " A fare cosa? " - " A metterci insieme... Mi pare ovvio. " - Sono paralizzato. Non pensavo che sarebbe andato tutto così velocemente, ma preso dall'euforia gli grido di sì e gli stampo un bacio sulle labbra. Mi abbraccia, e io sento che tutto il dolore che provavo prima ormai è passato... Vorrei restargli attaccato per sempre, ma mi ricordo che ho una casa a cui tornare, quindi cerco di dileguarmi perchè inizio a sentirmi in imbarazzo ma lui mi dice che avrei dormito da lui quella notte, perchè voleva passarla con me. Io sono un po' titubante, conosco Marcello, e anche se stiamo insieme da praticamente due minuti cerco di rifiutare, poiché so a cosa mira. Mi guarda tristemente, con i suoi occhi azzurri che si fermano sui miei, e in quel momento accetto, chiamo mia mamma e la informo che avrei passato la notte dal mio compagno, lei cerca rifilarmi più domande possibili sul come farò senza pigiama ecc. ma la liquido subito e con Marcello inizio a incamminarmi verso casa sua, stringendo la sua mano il più possibile, come se volessi impedirgli di andarsene. --- Entro in camera sua e vedo che c'è un solo letto, gli dico che posso dormire per terra, mi bastava una coperta, ma lui non ne vuole sapere e finisce come vuole lui: dormiremo insieme, saluto i suoi genitori, un po' stupiti dal mio arrivo privo di preavviso. Il letto è da una piazza e mezza, ...