1. Federica non piangere per lui, scopa con me!


    Data: 19/06/2017, Categorie: Dominazione, Etero, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    3 Febbraio 2013 h.13.15.Mi fai sempre aspettare un’eternità sotto casa tua, da questo punto di vista, sei la tipica ragazza di 24 anni. Per il resto gli altri possono solo sognarsi una come te.Aspettando che tu arrivi, guardo annoiato fuori dal finestrino dell’auto: la strada è piena di adolescenti sorridenti appena usciti dal liceo classico e genitori che aspettano i bambini uscire dalla scuola a pochi metri da casa tua.Capisco subito che stai arrivando perché un gruppetto di ragazzini guarda imbambolato nella direzione del tuo palazzo, è questo l’effetto che fai. Infatti mi giro e ti vedo chiudere il portone della palazzina per famiglie benestanti e sfilare sul marciapiede, fino alla mia macchina.Sei stupenda, mai lo eri stata come oggi: i capelli biondi accarezzano il tuo viso e scendono perfetti sulle spalle, senza coprire la scollatura su quella seconda abbondante che il vestitino azzurro ti fa ancora più bella e arrapante. Ringrazio il cielo per questa inaspettata giornata calda che mi permette di vederti con quel vestitino azzurro corto e svolazzante che ti lascia scoperte le tue gambe, lunghissime e meravigliose, oggi finalmente scoperte, quanto le amo! Soprattutto perché hai le scarpe che abbiamo comprato insieme: tacco 12 ovviamente, colorate e che ti fasciano i piedini, perfetti e smaltati di verde, così come le mani, quanto adoro baciarli.-Quanto sei cambiata Fede!- mi trovo a pensare.Sali in macchina con fare sensuale, alzi gli occhiali da sole poggiandoli sulla ...
    testa e mi guardi. Adesso che sei vicina a me mi eccito ancora di più! I tuoi occhi azzurri sono enormi grazie al mascara e alla matita blu, le tue labbra lucenti le immagino già intorno al mio cazzo e il velo di blush sulle guance di rende allo stesso tempo sexy e angelica!“Ciao Marco”, mi fai sorridendo. Non faccio in tempo a risponderti che ti butti addosso e mi baci. Un bacio lungo e appassionato, le nostre lingue che giocano e la mia eccitazione che sale. Tu già lo sai e mi accarezzi un attimo la gamba prima di stringermi forte il cazzo già in tiro da sopra i jeans e cominciare a masturbarmi così, oscenamente per i poveri genitori con bambini vicino che passano accanto la macchina!-Quanto sei cambiata Fede!- mi ritrovo a pensare.“Devo ammetterlo, stavolta mi hai proprio sorpreso!” ti faccio sorridendo.“Lo so” sorridi e ammicchi, da monella cattiva, ancora un bacio e ti allontani sorridendo ancora.Ma ora sono troppo arrapato e sono io a buttarmi su di te: una mano intorno alla tua testa per baciarti con passione, l’altra sale velocemente lungo la coscia e arriva velocemente sulle mutande, calde e umide. La cosa ti eccita e me lo fai notare mugolando da brava gattina, il bacio diventa ancora più infuocato e la mia mano corre più veloce tra le tue cosce.Sei bagnata da morire e in pochi attimi sposto il bordo dei tuoi slip e con due dita sono dentro di te.“aah sììì” mi fai dolcemente.Le dita si muovono lente, scivolando dolcemente dentro di te… “aaah sììì”Comincio a baciarti ...
«123»