1. Il mio ginecologo


    Data: 19/06/2017, Categorie: etero, Autore: Alba6990, Fonte: EroticiRacconti

    Rebecca si trovava nella sala d'attesa del ginecologo. Aveva preso appuntamento per una cosa da niente: un mal di pancia fortissimo durante i giorni del ciclo, nonostante prendesse la pillola. Sapeva che non c'era da preoccuparsi, ma voleva l'opinione del ginecologo per capire se doveva cambiare la pillola o fare altro. La segretaria del dottore chiamò il suo nome e la fece accomodare nello studio, dicendole che il signor Paoli (il suo ginecologo) aveva avuto un impegno urgente, ma che l'avrebbe sostituito un suo collega altrettanto qualificato, il signor Lanzi. Rebecca era un po' turbata dalla notizia: si era ormai abituata a far vedere la sua vagina al signor Paoli e a essere toccata da lui. E l'idea che potesse farlo un estraneo non la entusiasmava molto. Ma ormai era lì, e andarsene con una scusa del genere le pareva una cosa ridicola. Non attese molto e nello studio entrò un uomo incredibilmente bello: alto 1.90m, capelli neri, occhi azzurro ghiaccio e due labbra che solo a guardarle a Rebecca venne una voglia sfrenata di morderle. "Buongiorno, lei dev'essere Rebecca, giusto?" "S-si..." A Rebecca girava la testa e nel suo ventre cresceva un senso di vuoto da colmare, un desiderio pazzesco di farselo sbattere dentro alla sua fica da quell'uomo avvenente. Lui le sorrise e le disse di accomodarsi sul lettino. Le sue mani sembravano forti, ma allo stesso tempo delicate. Chissà che effetto fa averle addosso, pensò Rebecca spogliandosi e sdraiandosi, aprendo le gambe al viso ...
    del suo ginecologo. Lui la guardò per un po'. Lei sudava, non riusciva a contenere l'eccitazione, era già bagnata fradicia, i suoi capezzoli erano duri e voleva essere posseduta lì su quel lettino. "Allora, signorina...lei è qui per controllare che sia tutto a posto?" "Si...devo vedere se cambiare la pillola o meno" "Controllerò che lei non abbia cisti e nel frattempo lei mi dirà i suoi disagi che la portano a pensare di cambiarla." Dio, anche mentre diceva qieste cose di routine aveva una voce che la faceva sciogliere. "Signor Lanzi..." "Dammi pure del tu, mi chiamo Stefano." "S-stefano..." Lei voleva scusarsi. Aveva la fica fradicia e i suoi umori erano colati sul lettino. Ma lui aveva capito benissimo: guardava quella dolce fichetta con lo stesso sguardo di un predatore che ha avvistato la preda e sta meditando sul da farsi. "Non preoccuparti...può capitare..." Le fece la visita e dirante tutta la sua durata Rebecca si bagnava sempre di più. All'ultimo contatto stava per avere un orgasmo, ma il medico ormai aveva finito. Lei voleva il suo cazzo fra le cosce, non resisteva più, ma si rendeva conto che era una proposta indecente. "Tutto a posto, Rebecca...ma perché sei ancora bagnata?" Lei era paonazza. Non sapeva cosa rispondere. "Se vuoi" disse lui avvicinandosi e togliendosi i guanti "Posso rimediare io...chiamamola una visita completa" e prima che lei pitesse dire qualcosa lui era già con la testa fra le sue cosce a leccare tutti gli umori che erano fuoriusciti da quel ...
«12»