1. Knut Bauer e i 40 stalloni (2)


    Data: 19/06/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: crigio, Fonte: Annunci69

    Non appena vedono la scena che si sta svolgendo sul bancone, i nuovi arrivati si paralizzano e gli attrezzi che hanno in mano cadono sul pavimento facendo un gran frastuono. “Che volete fare? Volete stare lì imbambolati ancora per molto o volete partecipare?”, chiede Rico ai due appena entrati. Quelli si guardano e la telecamera fa loro un primo piano, mentre il sottopancia dà ad uno il nome di Mario e all’altro quello di Felix. Sorridono tra di loro e fanno spallucce. Quindi, si dirigono verso il bancone, uno entrando dietro e l’altro mettendosi accanto a Rico sul davanti. “A quanto pare cercava un altro tipo di soccorso, la puttanella!”, dice Felix, osservando come l’energumeno fotte Knut. “Già uff!”, risponde Rico. “E come ciuccia!”, aggiunge Olly. “Vedo, vedo!”, fa Mario accanto a lui. Il mio amico sputa il cazzo del barista e fa gli occhi dolci al nuovo arrivato. Leccandosi le labbra gli fa capire che ha voglia di succhiare anche il suo affare, mentre con le dita si titilla i capezzoli attraverso il tessuto della t-shirt. Ormai i colpi di Rico non gli danno altro che piacere e li riceve senza provare più alcun fastidio. Il suo corpo viene sballottato dalla potenza dello stallone: tuttavia, le sue membra non soffrono, ma vibrano di godimento. Mario abbassa la cerniera della tuta e (guarda caso!) sotto è completamente nudo. Tira fuori la verga e si avvicina alla bocca del tedesco, il quale si allunga sul bancone per raggiungere il ventre del nuovo stallone. Con un sol ...
    boccone inghiotte la minchia barzotta e subito le sue guance si incavano per la potente suzione. “MMMMM! E’ proprio affamato!”, commenta. “Non immagini quanto uff!”, interviene Rico. GA_googleFillSlot("Annunci_300x250"); “Questo culo è una fornace ah!... ah!... ah!”, continua, percuotendo le chiappe di Knut col suo bacino. Intanto, Felix, rapito da tutto quanto sta accadendo sotto i suoi occhi, si slaccia anche lui la tuta e il suo cazzo sguscia fuori già bello tosto. E’ duro e leggermente curvo verso l’alto, con la cappella rossa come un pomodoro. Deve essere particolarmente eccitato e quell’esemplare di minchia mi piace molto. “Quanto la vorrei tutta per me!”, penso, accarezzandomi il petto. “Vedo che sei già pronto!”, dice Rico, notando l’erezione di Felix. “Eh eh!”, ridacchia quello, imbarazzato. Sembra molto giovane, sicuramente più degli altri tre, eppure ha un fisico e un cazzo niente male. “Allora, fa così!”, gli ordina Rico. “Sdraiati sul tavolo da biliardo!”. Felix si leva la tuta e obbedisce. Così steso, il suo affare, dritto verso l’alto, sembra un obelisco. Lo tiene bello teso con due dita e attende la mossa dell’energumeno. Rico, estrae d’un colpo il cazzo dallo sfintere di Knut, provocando uno scossone al suo corpo, e poi lo solleva di peso, portandolo verso Felix. “Impalati su sta mazza, ora!”, comanda, e il tedesco sale sul tavolo, si posiziona bene scavalcando il ragazzo e dandogli le spalle, e si siede sul suo ventre, indirizzando l’asta al suo buco con una ...
«1234»