1. Amour charnel (ultima parte)


    Data: 19/06/2017, Categorie: etero, Autore: AnimadellaLupa, Fonte: EroticiRacconti

    ... come un gomitolo, corpo su corpo rotolammo sino al tappeto davanti al camino acceso, i miei polsi immobilizzati sul pavimento dalle sue mani - il mio seno schiacciato dal suo peso - con le nostre lingue che si rincorrevano tra baci e morsi e le sue gambe che si facevano strada tra le mie. Non m'interessava resistergli e quel suo dominarmi, anzi quei piccoli gesti mi portava a desiderarlo ancor più di quanto già lo volessi. Lo aiutai ad aprire i bottoni della camicia che indossavo, ad allentare i lacci del bustino e mentre iniziò a baciarmi il seno sfilai la sua camicia lasciandolo a petto nudo, i miei capezzoli disarmati davanti ai suoi denti, alla sua saliva eran diventati irti come vedette, pungenti come spine, così duri da farmi sentire quasi sconcia. Ad ogni suo morderli inarcavo la schiena andando incontro al suo sesso scalpitante, sapevo che entrambi volevamo la stessa cosa, ma quel suo farsi attendere si prestava perfettamente al mio adorare le attese. L'aggirasi del suo glande vicino ai peli ormai umidi, l'addentrarsi lievemente dentro alla mia carne inumidita e accogliente per poi togliersi e strofinarsi sulle mie cosce mi faceva impazzire, presi d'istinto a graffiargli la schiena per poi nell'affondare le unghie sulle natiche tirarlo a me, lo volevo dentro, immerso completamente nel ... mio fuoco. Entrava e usciva rallentando i colpi per poi alternarli a più decisi e passionali, sentivo però che quel sentirmi domata, non mi apparteneva completamente,avevo infatti bisogno di invertire la rotta nel giro di pochi attimi mi ritrovai ad esser sopra di lui disarmandolo piacevolmente ... il mio seno schiaffeggiava il suo volto mentre le sue mani sui mie fianchi cercavano di guidarne la mia cavalcata, Lussuriosa salivo sul suo crea popoli godendomi ogni centimetro, avvertendone ogni vena ed il gonfiore della sua cappella come colpi di fioretto dentro alla mia carne Gli piaceva sentirmi ansimare vedermi spogliata da ogni pudore e nel sentirsi vicino all'apice del piacere mi pregò di rallentare - di scostarmi per poi riprendere pochi attimi dopo ... non fermai quel volo sapevo che entrambi non volevamo quello imperativo era ormai giunto il momento di lasciarci andare, di abbandonarci a noi faticosamente attese l' avvisare del mio godere per poi amalgamarlo con il suo crogiolarsi - rimasi a sbaciucchiarlo a lungo tempo mentre le gocce perlate del nostro piacere si placavano una ad una su di lui indietreggiai, strusciante in quel che sembrava una dipartita e nel scoprire che nulla aveva ancora intenzione di assopirsi ripresi a torturarlo con la lingua per poi amarlo di nuovo per tutta la notte.
«1»