1. La mia prima volta


    Data: 10/08/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: flugen, Fonte: Annunci69

    Ho trascorso la maggiorparte della mia adolescenza a dominare le mie pulsioni sessuali. Ero alla ricerca spasmodica della mia identita sessuale segnata da desideri sessuali convulsi e fantasie erotiche bisessuali. Chi ero io sessualmente? Ero colui che desiderava accogliere nella sua bocca un cazzo, leccandolo, succhiandolo dolcemente per poi baciarlo avidamente roteando la lingua sulla cappella fino a farmi venire in bocca senza perdermi una sola goccia di nettare? O ero l'uomo che desiderava affondare il proprio cazzo largo in un umida ed accogliente fica penetrandola fino a sentire il corpo di lei avido della mia verga, la sua bocca alla ricerca della mia, la mia lingua alla ricerca della sua...soffocandone i sospiri di piacere? Volevo far diventare le mie fantasie realtà....e Luca fu la mia prima occasione ...questa è la storia. Io e Luca frequentavamo da alcuni anni il corso di Karate. Lui frequentava il liceo classico, con risultati discreti ed io l'istituto tecnico,la nostra frequentazione era circoscritta al martedi e giovedí, giorni in cui si tenevano le lezioni di Karate. Scuro di carnagione e capelli castani aveva uno sguardo meraviglioso che mi donava emozioni intense e profonde. Negli ultimi mesi mi ero reso conto che attendevo con ansia la fine della lezione per fare la doccia con lui. Scrutavo il suo culo marmoreo ed il suo cazzo che spuntava tra i peli neri che lo circondavano. Mio Dio quante volte ho immaginato di essere inginocchiato davanti a lui. ...
    pomparlo e sentire i sui colpi affondati con decisione nella mia bocca, i gemiti di piacere, il cazzo che si ingrossava nella mia bocca con la mia lingua che percorreva la sua asta dura e umida, il sapore di lui, il suo nettare che mi grondava dagli angoli della bocca. Un giorno il mio sogno si avverò. Eravamo rimasti soli sotto la doccia alla quale si accedeva attraverso una porta scorrevole, Luca chiuse il getto dell'acqua della doccia e girandosi di spalle mi chiese di controllargli un neo abbastanza evidente che aveva sotto la scapola sx e che gli provocava un bruciore continuo. "Ė solo un pó arrossato", gli dissi rassicurandolo. "Mio Dio!"pensai, Il mio cazzo a pochi millimetri dal suo culo, non potevo crederci, non riuscivo a contenere l'eccitazione. Il mio cazzo oramai piú che barzotto sfiorò il culo di Luca, il quale senza girarsi inarcó la schiena offrendomi quel bendidio.. "Chiudi la porta" mi disse e "Sfondami il culo, sono vergine". Chiusi la porta mentre Luca si lubrificò il buco del culo con il bagnoschiuma e riprese a strusciare il culo sul mio cazzo, mi avvinghiai a lui baciandolo sul collo , cominciando a puntare la mia cappela sul buco del culo, assestai i primi colpi al suo culo vergine, pochi colpi, nessuna resistenza ed ero dentro di lui, la sensazione fu bellissima il mio cazzo sembrava avvolto in un abbraccio caldo ed accogliente. Cominciai a scoparlo nel culo lentamente, movimenti lunghi e decisi. Con la mia mano cercavo il suo cazzo segandolo, era di ...
«12»