1. La monta


    Data: 11/08/2017, Categorie: Zoofilia, Autore: Marios, Fonte: EroticiRacconti

    Passammo tutto il pomeriggio al casolare,Patrizia era sconcertante,il suostomaco brontolava da paura,doveva averlo in fermentazione come un tino pieno di uva,si alternava fra il giardino e il bagno come fosse in travaglio,si annusava storgendo la bocca e borbottando CAZZO! Puzzo cone un cavalla,Paolo era in mutande seduto al tavolino con la curiosita'di sentire i commenti di quell'esperiverso enza,Patrizia era ancora e si vedeva sconvolta,avvolta solo da un grande asciugamano,io la guardavo quasi con disprezzo e nello stesso tempo eccitazione averla vista nel massimo della sua porcaggine,le si rigiro'quasi disgustata dicendomi se mi ero divertito,risposi AMORE SEI STUPENDA,lei mi rispose SI!STUPENDA MAIALA,BELLAMAIALONA RIBADETTI RIDENDO,mi avvicinai per baciarla puzzava ancora di stalla,Paolo si alzo'accarezzandola,SEI STUPENDA,poi si rigiro'verso di me,vieni andiamo nelle stalle,io risposi ANCORA?,mi prese sottobraccio DAI DAI VIENI,MI ALZAI edissi a Patrizia se veniva anche lei mettendogli una mano fra le gambe,PORCI!mi rispose,ci segui'a distanza,arrivammo nuovamente nelle stalle,dove all'apriredella porta fecero nuovamente capolino tutti i cavalli,Paolo avanzo'davanti accarezzandoli uno per uno sulla fronte,si rigiro'verso Patrizia dicendogli dai entra dove vuoi tanto sono tutti maschi,entro in uno degli stallini accarezzando subito il primo,si levo'l'asciugamano di dosso e si butto'subito sotto la sua pancia,incominciando a palpeggiargli le palle,ormai sapeva come ...
    funzionava,tempo 5 secondi aveva gia davanti quello che desiderava incomincio'a leccarglielo dalla punta alle palle come un ghiacciolo,si metteva in bocca quella cappella che cominciava ad ingrossarsi e pisciava senza piu'timore e disgusto,si toccava la figa che doveva essere gia un lago,mi guardava spalanco'la bocca e la ingoio'tutta da vera maestra,Paolo sussurro'CAZZO!COM'E'INFOIATA,,ilcavallo incomincio'ha spingere,fu un'attimo un nitrito e un gorgoglio ,Patrizia ingoiava sborra come una forsennata strusciandosi la cappella che scaricava sulla faccia e sulle tette,era disumana,si alzo'abuco dritto colava,era tremendamente svaccata,Paolo prese due,tre balle di fieno le mise lungo il corridoio formando quasi un letto,prese Patrizia e la fece mettere a pecorina sopra,STAI FERMA LI!disse,apri'la porta di GErvaso e lo porto' fuori,strabuzzava gli occhi dalle orbite,io guardavo Patrizia che era al massino fella pecorina esplodendo tutto il prolasso fuori dal buco del culo,mitirai giu i pantaloni e cominciai a smanettarmi,Paolo avvicino Gervaso che gia sbandierava il suo cazzone gocciolante,lo porto'sopra Patrizia che girata guardava quello che doveva entrargli in corpo,Paolo prese il cazzo in mano di Gervaso,non stavo piu'nelle palle,era un palo turgido,glielo avvcino alla figa e incomincio'a farlo entrare vidi sparirgli dentro i primi 20cm,Patrizia sussulto'CAZZO!MI APRE TUTTA,un colpo o due riusci'Patrizia lascio'una lunga pisciata,Paolo glielo ripunto'al bucoGervaso era ...
«12»