1. 1 X tutti gay fantasy


    Data: 12/08/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: nh-paul, Fonte: Annunci69

    Ho trovato questo racconto tanti anni fa e mi è piaciuto molto, ora ho pensato che vi avrebbe fatto piacere leggere una cosa così strana e fuori dai soliti racconti. Chiedo scusa all' autore se non cito il nome, ma non lo avevo archiviato. BON DIVERTISSEMENT .....Il signor de Bonassieu aveva avuto da fare e se n'era andato, e nemmeno la sua serva era in casa perché era andata alla processione di chissà quale santo. Porthos e D'Artagnan, affamati e assetati, avevano preso d'assalto la cucina sguarnita, e l'avevano conquistata con grande spargimento non di sangue, ma di rosso vino di Borgogna. Ora, paghi della loro impresa quasi fosse stata la conquista de La Rochelle, accaldati dall'alcool e dal clima estivo, sghignazzavano in un caos di stoviglie e di avanzi di cucina. D'Artagnan fu il primo a non resistere più e si spogliò in camicia, sudato fradicio com'era: da tempo Porthos aveva notato che il guascone non era capace di sopportare il vino con la sua stessa disinvoltura, poiché la resistenza del più robusto moschettiere era dovuta ad un'imbattibile, diuturna pratica di anni. D'Artagnan era più giovane, più inesperto, ed il suo temperamento solare e semplice non lo portava a ricercare nuovi stimoli e perfezioni come facevano i compagni, ma a godersi la vita così com'era. Libero da ogni elitaria ossessione, spavaldo e nervoso, piaceva a Porthos perché era un degno compare di bisboccia, ed un vero amante degli scherzi, anche i più grossolani. "Lo sai, ragazzo?" sospirava alla ...
    fine il grosso moschettiere, seduto su uno sgabello con i gomiti sul tavolo della cucina, sopra il quale D'Artagnan era disteso beatamente a faccia in su a digerire, e smaltire un po' la sbornia. "Fin dal primo momento che ti ho incontrato ho capito che eri di una natura affine alla mia, consacrata ai piaceri fondamentali." "Oh oh," sghignazzò D'Artagnan alquanto prosaicamente, alzando a fatica la testa per guardar giù e strabuzzando gli occhi. "Guarda, Porthos... il mio piacere fondamentale si sta svegliando!" Lo indicò con un dito malfermo. "E' colpa di tutto questo vino troppo forte, che mi brucia dalla gola fin quaggiù... peccato che qui non ci siano belle ragazze con cui giocare, ma solo uomini rudi!" "Aramis non sarebbe d'accordo con tale definizione," sogghignò Porthos. D'Artagnan si lasciò di nuovo andare sul tavolo, fissando il soffitto di travi con un sospiro pieno di trasporto. "Ah, mia bella Constance... perché non ci sei mai quando ho bisogno di te?" Porthos osservò con vago interesse il gonfiore della brachetta davanti ai suoi occhi, paragonandolo ad un buon pezzo di pasta da pane che lievitava, ansioso di finire nel forno per trasformarsi in un dorato, appetitoso boccone da intingere in un denso ragù di cappone... Dallo stomaco al proprio membro virile, un fitto scambio di messaggi nervosi lo sprofondarono in una torbida, cupa sensualità. D'Artagnan mostrò appena la più vaga delle sorprese quando l'amico gli alzò la camicia e gli slacciò i cordoni delle brache. ...
«1234...8»