1. Te la farò pagare


    Data: 12/08/2017, Categorie: Orge, Autore: Aramis27, Fonte: Annunci69

    Una scopata al di là di ogni immaginazione di una moglie vendicativa Quello che vi racconto è successo quest’estate, ma ha origine circa un anno fa quando mia moglie ha scoperto un tenero flirt tra me e una collega di ufficio. Lo chiamo flirt,ma in realtà non c’è stato proprio niente,lei era in crisi con il suo uomo e io l’ho consolata,niente più qualche sms un po’ di intimità in macchina e lunghe chiacchierate;che non è successo nulla si deve più a lei che a me perchè bella fica com’è io me la sarei scopata volentieri. Sara scopre gli sms e scoppia il finimondo,io le giuro che non c’è niente e dopo due mesi di minacce di andarsene di casa dice che mi perdona, aggiungendo però che me la farà pagare. Ora torniamo a quest’estate; il caldo soffocante di Roma non dava tregua e così passavamo molte sere nel terrazzo di casa nostra. Su quell’argomento non eravamo più tornati quindi pensavo fosse archiviato ma quella sera era stata scelta per consumare la sua vendetta. Sara ha 38 anni ed è una bella donna, forse non bellissima di viso, ma arrapante da morire quarta di seno bel culo e belle gambe. Dopo mangiato eravamo in balcone lei con un vestito bianco abbottonato davanti reggiseno e perizoma io in pantaloncini e maglietta .La cena era stata un po’ pesante e il leggero venticello inaspettato mi stava conciliando il sonno. Prima di addormentarmi mi ricordo di Sara che stava mandando un sms poi il risveglio fu di tutt’altro genere. Fui svegliato da delle risate, ora dovete sapere ...
    che sul nostro terrazzo molto ampio si affacciano sia il salone sia la camera da letto Io stavo dormendo davanti il salotto e le risate venivano dalla camera da letto. Molto stordito mi alzai dalla poltrona e facevo fatica a mettere a fuoco quello che era intorno a me anche le gambe erano pesanti. Appoggandomi ai davanzali arrivai alla finestra della camera e capii subito che Sara era stata di parola. Sdraiato sul letto completamente nudo c’era il commesso del supermercato dove ci riforniamo Lei sopra se lo stava scopando con il vestito aperto e le tette fuori dal reggiseno. La cosa strana che lui stava con il telefono in mano e telefonava pronunciava frasi tipo “mi sto a scopà nà troia che me so rimorchiato al lavoro devi senti come stà a gode sta puttana e avvicinava il cellulare alla bocca di mia moglie che stava al gioco . Finita la telefonata il ritmo del tipo cominciò ad essere molto incalzante; li sara perse il controllo urlava come una cagna in calore e lui le assestava dei sonori ceffoni sul culo e sulle tette .ad un certo punto la prese per i capelli e la tirò a se il culo si alzo e lasciò uscire un cazzo davvero ragguardevole .L’uomo allora la colpì sulle chiappe con due fortissimi ceffoni e rimise il suo membro in fica. Ad un certo punto Sara chiese una tregua “devo andare un attimo in bagno” lui la spinse quasi facendola cadere dal letto e lei sparì;Io rimasi dietro la tenda a osservarlo. Era un tipo tutto muscoloso abbronzatissimo con una decina di tatuaggi e ...
«123»