1. ROBERTA...ANCORA UNA PERVERSA ESPERIENZA!


    Data: 10/09/2017, Categorie: Dominazione, Etero, Trio, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    L'idea di trascorrere una giornata al mare con Max e la sua mogliettina, una vera porca, non mi dispiaceva, anzi mi intrigava per gli imprevedibili sviluppi che avrebbe potuto prendere.Il mio entusiasmo però scemò quando seppi che a noi si era aggiunto quel porco del mio vicino; ero quasi tentata di mandare tutto a monte ma i miei amici non se lo meritavano.Perciò armata di molta pazienza mi preparai ad una giornata fatta di sguardi languidi, occhiate lascive e qualche scena di gelosia camuffata da parte dell’ultimo convenuto, non nuovo a queste sortite.Decisi tuttavia che non poteva essere lui a rovinarmi la giornata e che avrei dovuto trasformare questo imprevisto in un motivo di divertimento; nella testa cominciarono a frullarmi strani pensieri e sapevo che in questo avrei trovato in Max e sua moglie due perfetti complici.Come al solito mio marito Sandro sembrava vivere su un altro pianeta; almeno questo lasciava apparire, anche se negli ultimi tempi lo avevo sorpreso in comportamenti per lui inusuali di cui più avanti forse darò qualche accenno.Per prima cosa scelsi un costume con una “brasiliana”, talmente accentuata quasi da mostrare il mio meraviglioso buchino e le grandi labbra che scappavano da tutte le parti(lo avevo provato apposta con alcune posizioni davanti allo specchio di casa).Il reggiseno, pur non dovendo contenere tantissimo, valorizzava i miei piccoli seni a coppa con i capezzoli pronti per farne un sol boccone. Al minimo movimento strano sarebbero apparse ...
    in bella mostra.Armata di tutta quella malizia, che il mio amante definirebbe “innocente” troiaggine, mi avviai con Sandro e gli altri amici verso la spiaggia.Scegliemmo un angolo sulla sabbia riparato e vicino a una scogliera che in alcuni punti creava dei veri e propri anfratti protetti alla vista e nei quali da adolescente mi infrattavo per limonare, e da adulta per grandi scopate. Ricordo ancora a 16 anni il mio primo pompino a un amico di mio fratello di 10 anni più grande. Lo avevo visto fare in un film porno e mi ero esercitata diverse volte con una carota (mia compagna di eccezionali ditalini e meravigliose penetrazioni seguite da intensissimi orgasmi. Ciccio, l’amico di mio fratello, avendo intuito quanto fossi troia (non aveva fatto fatica a capirlo dopo che per tutta la giornata avevo strusciato in acqua le mie natiche su suo cazzo), si decise a portar mici nel primo pomeriggio quando gli altri ragazzi erano tutti stesi al sole per la pennichella. Appena arrivati nella piccola grotta, coperta da sguardi indiscreti, con l’immancabile materassino, mi baciò sulla bocca e mi strizzo i seni e i capezzoli facendomi urlare per il dolore misto a un grande piacere; senza perdere tempo mi piazzò la mano in mezzo alle cosce e cercò immediatamente di penetrarmi.Al mio urlo di dolore e per effetto dell’impedimento ad entrare a causa della mia verginità, si bloccò e rimase stupito, quasi deluso.- Ma come, sei vergine?- Si non l’ho ancora fatto ma non è un tuo problema.Prima che ...
«1234...9»