1. Mia madre, la mia schiava (ep.2)


    Data: 12/09/2017, Categorie: dominazione, Autore: Psycho, Fonte: EroticiRacconti

    Passai la notte quasi totalmente in bianco col pensiero fisso di quello che sarebbe potuto accadere il giorno seguente... Mille ipotesi differenti albergavano nella mia mente, mi addormentai che ormai era quasi l'alba a casa di un mio amico con cui ero uscito la sera prima senza ovviamente dirgli niente di cosa mi stava accadendo... Mi svegliai di soprassalto al suono della sveglia, purtroppo non stavo vivendo un incubo, era tutto vero... Tornai a casa poco prima di pranzo, entrai e mi rallegrai dell'assenza di mia madre... Recuperai le telecamerine felicitandomi del fatto che non fossero state scoperte, mi diressi in camera mia e collegai quella che era piazzata in camera da letto al mio pc... Col cuore in gola al solo pensiero di quello che avrei potuto vedere, cominciai la riproduzione delle immagini... Mando avanti velocemente la registrazione senza scorgere niente di anomalo, mia madre entra in stanza per cambiarsi e più tardi per andare a dormire ma niente di più... Istintivamente tiro un profondo sospiro di sollievo dimenticandomi per un attimo che c'è un altra registrazione da controllare, quella del salotto... Premo play e anche in questo caso accellero la riproduzione, le prime fasi scorrono via lisce quando ecco quello che purtroppo non avrei mai voluto vedere... Intravedo mia madre attraversare il salotto a passo svelto, con abiti tutt'altro che conseuti, noto facilmente dei tacchi ai piedi, oltre a un vestitino nero molto succinto... Si dirige verso il corridoio ...
    che porta all'entrata di casa, sparisce dalle immagini per pochi istanti, ed eccola tornare seguita da un uomo... In quel preciso istante sento crollarmi il mondo addosso, quell'uomo non è mio padre, è l'amante o forse uno degli amanti di mia madre e lo ha portato fin dentro casa... La nostra casa... Quella che per quanto mi riguarda dovrebbe essere il porto sicuro e inviolabile di ogni famiglia... Un turbinio di emozioni contrastanti presero il sopravvento in me, dallo sconforto totale ad un rabbia cieca... L'uomo si toglie la giacca gettandola sul divano e, accomodandosi sullo stesso, appoggia con naturalezza i piedi sul tavolino posto difronte... Si accende perfino una sigaretta! Non ci vedo più dalla rabbia! A mio padre fumatore, mia madre non fumatrice ha sempre categoricamente vietato di fumare in casa, mentre a questo perfetto sconosciuto sembra che tutto sia concesso... Mia madre sparisce di nuovo dalle immagine, direzione cucina stavolta... Torna con in mano una bottiglia e due bicchieri... Si accomoda affianco al suo uomo poggiando le abbronzate e toniche gambe sulle sue... Brindano e chiacchierano, anche se io non riesco a sentire ciò che si dicono a causa della lontananza della telecamera da loro... Dopo qualche minuto tra una carezza e un sorso di vino eccco mia madre che depone i bicchieri sul tavolino e si accinge a slacciare i pantaloni dell'ospite... Una volta tolti gli si inginocchia davanti, cala anche i boxer e comincia a lavorargli il membro ancora moscio ...
«123»