1. Come sono diventato lo schiavo di due ragazze rumene


    Data: 13/09/2017, Categorie: Etero, Trio, Incesti, Saffico, Dominazione, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Questo è un racconto di fantasia, che prende spunto da esperienze personali.Mi chiamo Andrea ho 25 anni, vivo nella periferia di Roma insieme alle mie due padrone, se così si può dire, Roxy e Mihaela, due bellissime ragazze di origine Rumena di 20 anni. Ho lasciato l’università 1 anno e mezzo fa, tutto il mio tempo è al servizio delle mie due principessine, che tra l’altro sono anche le mie padrone di casa, che è di proprietà del padre di Mihaela, un ricco imprenditore Rumeno. Ma prima di parlare del presente, voglio raccontarvi la mia storia fin dal principio. Tutto ebbe inizio nei primi di Luglio di 2 anni fa, io avevo 23 anni, vivevo ancora a casa con i miei e frequentavo la facoltà di lettere all’università. La mia vita si divideva tra università, studio e uscite con gli amici, tutto procedeva per il meglio finché non conobbi Roxy e Mihaela, che all’epoca per me erano semplicemente due diciottenni compagne di classe di mia sorella, tra l’altro mi stavano anche abbastanza antipatiche, si può dire che le detestavo, le consideravo due bimbette viziate e senza cervello. Quell’estate, però, mia sorella cominciò a frequentarle spesso, le ragazze avevano terminato il quarto anno del liceo classico e si godevano le vacanze, molte volte me le ritrovavo a casa mia, sempre pronte a prendermi in giro per il fatto che loro erano in vacanza e io no.Un giorno, mentre mi trovavo solo in casa a studiare, sentì suonare il campanello. Andai ad aprire e me le ritrovai davanti: Roxy, alta ...
    1.75 bionda, occhi azzurri, con una terza abbondante di seno e un fondoschiena da modella, indossava panta-collant colorati e t-shirt, che lasciava intravedere il suo bel seno sodo e la pelle appena abbronzata; Mihaela alta poco più di 1.80, mora, occhi verdi, una quarta di seno, un fisico statuario e perfetto con tutte le curve al posto giusto, leggermente più abbronzata dell’amica, aveva addosso solo un paio di shorts e una t-shirt decisamente troppo piccola. Roxy calzava un paio di adidas ultimo modello, mentre l’amica un paio di converse rosa apparentemente molto vissute. Sebbene odiavo quelle ragazze, non potevo non apprezzare la loro bellezza, nascondendo la mia passione per i piedi, e l’imbarazzante voglia di volermi sentire sottomesso e umiliato da quelle due liceali. La voce di Mihaela mi distolse dalle mie fantasie perverse:- Ehi!! Come va secchioncello?? Sempre a studiare stai.. quasi quasi ti direi di venire con noi mi fai un po pena sai?! – risero entrambe- Ah ah ah.. sempre simpaticissima! – dissi io sarcastico – comunque se cercate mia sorella, deve ancora rientrare, forse tra una o due ore sarà qui. –- Ok secchia!! Beh non ci inviti ad entrare preferisci i libri a due belle ragazze come noi? – disse Roxy con tono estremamente irritante.Vista la situazione, le feci entrare, non potendo notare come nonostante il mio metro e 80 di altezza e il mio aspetto gradevole, seppur un po’ trascurato, sfigurassi al loro confronto. Le due ragazze si gettarono sul divano a ...
«123»