1. La mia vita nel branco 2


    Data: 02/10/2017, Categorie: Zoofilia, Autore: Giorgia., Fonte: EroticiRacconti

    Non so cosa mi abbia spinto più di tutto a scrivere l'inizio della mia triste vicenda.. Dopo solo 24 ore posso dire come mi sento ora, più leggera. Ero a faccia a terra, con tutte queste bestie intorno che aspettavano solo il loro turno. Solo l'idea di dover far sfogare altri 9 cani, mi dava il desiderio di morire ! Finalmente il mio stupratore si staccò da me. Sentivo una voragine nella mia Figa e fiumi di sperma che uscivano liberi finalmente. Dietro di me sentitvo i cani che ringhiavano è combattevano fra di loro per capire chi sarebbe stato il prossimo. Ma il mio sguardo ero solo per lui. Uno sguardo di terrore... In quella gabbia erano solo cani di media stazza e di razza mista. Lui che finora si era messo da parte entro in scena con tutta la sua virilità. Un cane lupo grandissimo ! Mai vista una bestia del genere. Quando si avvicino a me gli altri indietreggiarono immediatamente. Era il capo ! L'indiscusso ! Mi guardo con quei occhi celesti quasi glaciali e inizio a ringhiare davanti alla mia faccia. Io dal terrore non osai staccare il mio viso dal terreno e cercai di tenere il mio culo più aperto possibile. Non so cosa mi poteva far essere più sottomessa di così. Il lupo incominciò a girarmi attorno mentre il mio rapitore incominciò a parlarmi di lui. " avrai capito che lui è il capo qui. Se riuscirai ad essere la cagna del capo forse riuscirai veramente a sopravvivere " Per la prima volta sghignazzo il porco. Quanto vorrei reincontrarlo armata e fargli quello che ha ...
    fatto a me... Ritornando a noi Le zampe del lupo mi stavano incominciando a cingere i miei fianchi. " ok Giorgia è l'ora ! " pensai... Incominciò a muoversi ! Era preciso incredibilmente preciso, si vedeva che probabilmente era abituato a gli umani. Con un colpo secco mi chiavo la Figa. Cacciai un urlo dal dolore, mi sentivo un cazzo massiccio dentro di me ! Mi veniva da svenire... Incominciò a muoversi come un folle e io non riuscivo manco a sentire della goduria come prima, ma solo un forte dolore. Incominciai di nuovo a piangere... Dopo 5 minuti di tortura, eccola ! Stavo godendo, stavo grondando di umori. Mai mi sarei aspettata questa goduria immane. Gemetti come una cagna che ero, completamente sottomessa al mio lupo. Spingeva così forte e in modo così virile che eravamo completamente l'uno per l'altra. La palla di fece sentire di nuovo, con un colpo secco la fece entrare e stavolta furono di nuovo dolori... Ma la goduria non mi lasciò mai. Sperma ! Tantissimo sperma ! Ero come un palloncino pronto ad esplodere e ci stavo credendo che sarei esplosa. Il tutto sarà durato una quindicina di minuti, ma rimase attaccato per circa una ventina. Quando finalmente si staccò mi accasciai completamente a terra, stremata con le lacrime a gli occhi e un disastro in mezzo alle gambe. Ma neppure passò un minuto che già altri due cani mi ringhiarono accanto . Ma non ce la facevo manco ad alzarmi figuriamoci a mettermi a pecora, pensai che era la fine. Ma eccolo ! Di nuovo lui, il lupo ! ...
«12»