1. La compagna delle medie


    Data: 03/10/2017, Categorie: Trio, Autore: Rastie, Fonte: EroticiRacconti

    Era una calda serata di pieno luglio, una di quelle che però fortunatamente non è rovinata dall’afa ma l’aria è ancora respirabile. Insomma, era proprio una bella serata. Fra l’altro in paese c’era pure una festa organizzata non so da che ente per non so che manifestazione. Probabilmente la motivazione contava poco, era solo una scusa per attirare gente. Nel grande spazio appena fuori paese era infatti stato allestito un palco con un gruppo che suonava e un lungo stand in cui si vendeva birra, drink e panini caldi. Com’era da immaginarsi e come speravano proprio gli organizzatori c’era un sacco di gente, soprattutto giovani. Ero là con la mia compagnia, anche se, bene o male, conoscevo un po’ tutti. In quelle occasioni si incontravano sempre persone che non si vedeva da tempo, poiché frequentavamo ambienti diversi: vecchi amici d’infanzia, compagni delle elementari, ragazzi con cui avevo giocato a calcio. Avevo abbandonato i miei amici più stretti per andare in bagno (uno di quei bagni che si montano alle sagre di paese) quando incontrai un gruppo di ragazze fra cui c’era anche Chiara, mia compagna di classe per tanti anni alle medie e alle elementari. Non ricordavo nemmeno quanto tempo prima l’avessi vista per l’ultima volta, ma comunque ci salutammo calorosamente e ci fermammo un attimo a chiacchierare. Le sue amiche ci lasciarono presto soli e si avvicinarono allo stand. «Chiara, ti aspettiamo là» fece Maura, l’ultima ad andarsene. «Va bene, arrivo tra un attimo» rispose ...
    lei, mentre io guardavo la ragazza allontanarsi. Era sempre stata carina, ma ora era veramente bella, anche se i suoi capelli non erano più del suo bel nero naturale, ma avevano molte sfumature rosse non proprio naturali. Il mio sguardo tornò rapidamente su Chiara: castana, non molto alta, con i capelli lisci che le arrivavano quasi alle spalle, era senz’altro più carina. Aveva inoltre un fisico stupendo, con un bel seno pieno e delle cosce tornite che l’abito grigio scuro che indossava rivelavano abbondantemente. Alle medie era nella hit parade dei sogni erotici di noi maschietti, ma erano restati sogni per tutti perché Chiara faceva coppia fissa fin dai tredici anni con lo stesso ragazzo, pur fra alti e bassi. A quel punto pensi bene di chiederle come andava con il fidanzato. La sua risposta mi stupì molto perché non me lo sarei mai aspettato: «Ci siamo lasciati sei mesi fa, stavolta definitivamente. Proprio non ne voglio più sentir parlare. Negli ultimi mesi mi ha trattato veramente male… Ora sono single…». Continuammo a parlare per un po’ di quel che facevamo e di cosa c’era successo in tutti quegli anni in cui c’eravamo persi di vista. A un certo punto però non seppi più resistere e dovetti scusarmi con Chiara e dirle che avevo l’urgente necessità di andare in bagno. Lei si offrì gentilmente di accompagnarmi, così chiacchierammo anche nel breve tragitto che portava ai servizi. Dopo essermi liberato la vescica, tornai a chiacchierare con lei. Ci sedemmo in un angolo buio, ...
«1234...26»