1. una famiglia perversa


    Data: 04/10/2017, Categorie: Trio, Incesti, Orge, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    era una sera come tutte le altre io ero tornato a casa un pò ubriaco per quel poco di alcolici che avevo bevuto con gli amici,che se ne erano andati con delle ragazze incredibili.io ero l'unico che non aveva rimorchiato,le più belle se le erano prese loro e a me rimanevano i cessi.cosi avevo annegato il dispiacere bevendo."chissà che ora si è fatta"pensai mentre aprivo la porta di casa senza far rumore per evitare di svegliare i miei genitori.passai davanti alla camera di mia cugina Cristina . a causa di problemi di tubature non poteva stare a casa sua e così l' abbiamo ospitata ,cosa che io non avrei mai fatto dato che quella troia cerca sempre un modo per stuzzicarmi e farmi arrabbiare.anche se devo dire che è piuttosto attraente,con delle tette che farebbero impazzire chiunque.e ammetto che mi ero fatto ogni tanto qualche sega pensando a lei.stavo per entrare in camera mia quando sentii dei rumori di godimento provenienti dalla camera di mia cugina,pensai che mi stavo sbagliando ma li sentivo chiari.preso dalla curiosità sbirciai dalla camera di mia cugina,vidi lei stesa sul letto con le gambe aperte mentre un uomo le sfondava la fica.fu in quel momento che pensai di essere completamente ubriaco o forse che stavo semplicemente sognando.quell'uomo era mio padre,lo vedevo chiaramente.corsi in camera mia cercando di dare una spiegazione a quello che avevo visto.un allucinazione,il fatto di aver bevuto ma niente poteva essere una spiegazione per quello.la cosa più ...
    fastidiosa era che ripensando a quella scena mi veniva il cazzo duro,cercai di ignorare quella erezione e mettermi a dormire.la mattina dopo quando ci svegliammo i miei corsero al lavoro e io rimasi a casa da solo con quella puttana di mia cugina.-buongiorno cuginetto-mi disse entrando in cucina.aveva una canottiera bianca aderente che faceva ben notare la forma dei capezzoli,e un perizoma nero che aveva messo apposta per farmi eccitare,e ci era riuscita.avevo il cazzo duro,ma invece di andarmene in bagno mi spostai con la sedia in modo che il tavolo coprisse quella immagine.-che hai?dormito male?-mi chiese piegandosi in avanti verso di me facendomi vedere le sue tette da vicino.-smettila di rompere-le dissi-mamma mia che caratteraccio che hai cuginetto,dovresti rilassarti.che c'è non fai sesso da un pò e la mia bellissima figura ti d'ha fastidio?-disse con un sorrisetto-mi d'ha fastidio che fai la troia-le urlai-oh ma non hai visto niente.non sai quanto so esserlo -mi dice-lo immagino come ieri sera quando ti scopavi mio padre-lei rimase un pò sorpresa poi si ricompose-bhe se vuoi ti faccio un servizietto anche a te-mi dice in tono malizioso-ma che stai dicendo?-le chiedolei si è gia messa in ginocchio e mi tocca la pacca dei pantaloni.-sono proprio curiosa di vedere quanto è grosso-e detto questo mi toglie i pantaloni facendo uscire il mio cazzo in piena erezione.-mmh non male-mi dice mentre lo prende con una mano e inizia a segarmelo.io sono contrariato e sto per dire parole di ...
«123»