1. Vacanza in Francia 2


    Data: 04/10/2017, Categorie: Tradimenti, Autore: lothar, Fonte: EroticiRacconti

    Il giorno dopo io e Mario eravamo in uno studio con i rispettivi agenti finanziari per una cospicua somma da investire in Russia,studiate dai nostri collaboratori l'investimento ci avrebbe fruttato molto. Intanto Roberta e Giovanna facevano coppia fissa,di conseguenza io e Carlo,si usciva insieme,il mare,si condividevano varie ore del giorno. Insomma la conoscenza tra di noi si fece più intensa,parlammo molto di ognuno di noi,Carlo era molto interessato agli investimenti,mi chiedeva sempre più notizie in merito ed io cercavo di soddisfarlo,mentre gli sguardi tra me e Giovanna erano sempre più frequenti,cercavo di spiarla quando mi stendevo al sole,quando leggevo il giornale,lei indossava un due pezzi striminzito,le sue forme erano da star,l'incanto dei suoi glutei,la pelle appena abbronzata,i seni contenuti nella stoffa del costume spingevano all'esterno,io e lei ci trovavamo spesso a fare il bagno insieme,lei non era molto pratica nel nuoto così approfittava di me per imparare quando entravo in acqua seguendomi. Mentre notavo che Carlo e Roberta erano spesso insieme,in acqua,al bar,le lunghe passeggiate,lasciandoci spesso soli me e Giovanna,che chiedeva informazioni sulla mia vita,ma le domande che erano più frequenti erano di natura sentimentale,Finchè una mattina che Carlo e Roberta erano a fare una camminata in spiaggia,dopo varie domande si alzò e dandomi la schiena infilò i due indici nel solco per aggiustare il costume infilatosi nel solco,ma il movimento fu così ...
    impetuoso che per pochi secondi ebbi la visione del suo solco ed un pò della sua vagina,poi la sua voce: Giov-- Tu e Roberta cosa siete? Cioè come definisci la vostra relazione?..mi disse voltandosi. Io-- Siamo amici,amici particolari,intimi. Giov-- siete molto legati per essere soltanto amici. Io-- si siamo molto legati..dissi alzando gli occhi dal giornale Giov-- infatti vi comportate da marito e moglie,sai le pareti dell'appartamento non sono tanto spesse..mi dice sorridendo. Io-- infatti anche noi c'è ne siamo accorti.. le rispondo ridendo,lei mi guarda e scoppia in una risata. Giov-- si lo sò,sai a me piace molto,ma a quanto ho sentito anche a voi...e giù un altra risata,quando Roberta e Carlo ritornarono ci trovarono che ridevamo. Roberta--Perchè ridete? Giov-- niente ahhhahh Carlo-- fate ridere anche noi Giov-- vado in acqua vieni anche tu? (rivolgendosi a me) così la smetti di fare battute sul mio modo di nuotare ahahaha...con queste parole era riuscita a non dire la ragione delle risate,mi allungò la sua mano e ci avviammo verso il mare. In acqua mi stava vicina spesso le sue mani erano sul mio corpo,anche le mie erano spesso su di lei per insegnarle a nuotare,avevo sentito la morbidezza della sua pelle,le avevo sfiorato più volte i seni,le natiche,così lei. Quella sera Giovanna fu infaticabile ebbe una serie di orgasmi gridati,e Roberta non volle essergli da meno,gridò anche lei i suoi orgasmi...hai un cazzo favoloso..... Il giorno dopo fui impegnato con Mario e i nostri ...
«123»