1. Emanuele 3.2


    Data: 08/10/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: honeybear, Fonte: Annunci69

    Sono quattro i maschi che si alternano davanti al culo slabbrato dello Schiavo inerme. Quattro maschi pronti a penetrarlo non avvalendosi dei loro arnesi, ma servendosi ciascuno di un oggetto diverso: pinze per il ghiaccio, proditoriamente usate come dilatatore, un tovagliolo intriso in uno dei cocktail pressato all’interno dell’orifizio e da lì estratto alla velocità della luce “Aaaahhh - si lamenta Emanuele - ...Aaaaahhhh!!!!” “Mugola così forse perché vuole che gli riempiamo oltre che il culo anche la bocca ” “L’accontento subito!” e il coach gli si para davanti con la sua bella mazza in tiro che in un istante sparisce nella gola di Emanuele - Ehi! – iniziando a scopargli la bocca ad un ritmo frenetico e rivolgendosi al padre - Manchi solo tu Fatti venire in mente qualcosa in fretta sennò il buco si richiude. E chi lo sente poi Alberto!” L’uomo si guarda attorno qualche istante ed infine compie la sua scelta: “Questa dovrebbe andare bene - afferra una candela da uno dei candelieri per piombare con decisione il culo del figlio che, sospinto in avanti dalla foga dell’azione, vacilla leggermente. Il dominatore pare non accorgersene e prosegue imperterrito con le richieste - Ed ora chiudi le gambe zoccola!” È un attimo: lo stoppino prende subito fuoco ed un gradevole profumo di vaniglia invade l’aria immota delle stanza. Mentre le nerchie si alternano nella bocca del giovane Schiavo, cadono le prime gocce di cera sui polpacci muscolosi: Emanuele non può gridare, ma il ...
    tepore prodotto dalla candela svanisce ben presto. Ogni goccia che cola è una stilla di dolore intenso e rapidissimo. Un dolore che obnubila il fisico e le sue facoltà intellettive, piegatesi alla violenza dello sforzo ma anche, e soprattutto, del piacere Il ritorno di Alberto mette fine al gioco, ma non al divertimento: dopo aver mostrato agli ospiti ciò che è andato a prendere, le risate e i fischi di approvazione si moltiplicano. È un plug a forma di coda quello che sta per sostituire la candela. “Quando ho detto di tenergli in caldo il buco non intendevo in senso letterale – lo schernisce il dottore iniziando a strusciare il sex-toy sulle chiappe soffici e sode per poi concentrarsi sulla fessura dilatata all’estremo. Lo Schiavo sospira nervoso e rassegnato. Ma il fiato gli si mozza in gola: il Padrone, spingendo con forza, lo fa entrare in un sol colpo - Ora basta poltrire, puttana! Datti una mossa e portaci qualcosa da sgranocchiare ” e gli molla una sonora pacca sulla chiappa destra. A fatica si rialza e si appresta ad esaudire la richiesta. Fa per sollevare una ciotola colma di pezzetti di zenzero ma viene subito fermato: “No, quelli no – gli sorride il Padrone – Quelli sono un premio per te Ma dopo, e solo se farai il bravo!” e gli volta le spalle per riprendere a dialogare con i resto del gruppo. “Allora che facciamo per movimentare un po’ la serata? - chiede il coach guardandosi l’uccello quasi moscio – Qui la situazione langue...” “Pensavo da un pokerino o ad un film ...
«1234...»