1. Una cugina vogliosa


    Data: 08/10/2017, Categorie: Incesti, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Era uno di quei pomeriggi tristi e freddi di novembre, non sapevo bene cosa volessi fare. Dopo aver lavorato tutta la mattina in un negozio di abbigliamento sportivo volevo rilassarmi un po’.Mi chiamo Rosario, sono un ragazzo di aspetto gradevole, moro occhi scuri e leggermente muscoloso, non ho mai fatto palestra: i miei pettorali, i leggeri addominali, le cosce e le braccia atletiche le dovevo ai tanti anni di sport che avevo praticato sin da ragazzo.Abitavo in un paese in provincia di Frosinone che conta al massimo un paio di migliaia di abitanti. Ci conosciamo un po’ tutti e la vita scorre leggera con i suoi ritmi pacati e tranquilli.Tornai a casa e mia madre mi disse che sarebbe venuto a cena lo zio Paolo, il fratello di mio padre. Un uomo tutto d’un pezzo, maresciallo dei Carabinieri, un padre abbastanza severo. Aveva due figlie: Federica e Mariangela. Pur essendo mie cugine dirette non abbiamo mai avuto un rapporto stretto, si erano trasferiti solo da qualche anno in un paese vicino al mio.Entrambe erano delle belle ragazze. Mariangela, la più grande, aveva 28 anni, bruna e capelli ricci. Aveva un viso carino, labbra sottili ed una seconda di seno.Federica l’ho sempre considerata molto più bella di Mariangela, anche da un punto di vista caratteriale, era una ragazza simpatica e socievole. Era più piccola, ed aveva appena 18 anni, anche lei bruna ma con i capelli lisci, labbra carnose e un bel seno sodo. Ma quello che mi faceva davvero impazzire era il fondoschiena: ...
    un bellissimo culetto a mandolino i cui jeans strettissimi disegnavano perfettamente le su forme rotonde e dolci.Mi rinchiusi in camera e accesi il notebook. Per passare il tempo mi collegai a dei siti pornografici, navigando vidi una bellissima scena di sesso lesbo tra due bellissime ragazze bionde, mi eccitai a tal punto che sentivo la necessità di masturbarmi subito. Mentre le due ragazze sullo schermo si masturbavano a vicenda, e si leccavano le loro fighe perfettamente depilate, mi slacciai il jeans e presi in mano il mio grosso membro che pulsava pronto ad esplodere. Non feci in tempo ad iniziare che sentii bussare alla porta della camera. Velocemente rimisi il mio cazzo duro nel jeans e chiusi il notebook.“Chi è ?” esclamai con una voce debole“Rosario, sono Federica, posso entrare ? Ti voglio salutare”Mi alzai per andare ad aprire la porta. “Ciao Federica ! Come stai ? Tutto bene !”Indossava una mogliettina bianca, semplicissima ed aderente che lasciava scorgere un reggiseno di pizzo nero, il quale plasmava un meraviglioso decolttè accarezzato da meravigliosi capelli lisci castani. Sotto un pantacollant aderente nero che le disegnava le curve del suo bellissimo culetto e delle cosce toniche e muscolose.Mi accorsi che dal jeas si notava perfettamente la forma del membro ancora duro. L’abbracciai con gentilezza, ma Federica mi spinse contro il suo bacino ed involontariamente feci pressione con il mio membro contro la sua pancia.“Tutto bene Rosario, adesso siamo arrivati. ...
«1234»