1. E per premio una serata in famiglia 3


    Data: 08/10/2017, Categorie: Incesti, Autore: miriam, Fonte: EroticiRacconti

    "Sul letto, pancia alla'aria, testa a bordo letto e mmetrici un cuscino sotto. Stai li ferma e rilassati, io arrivo tra poco." feci come mi ordinò ormai senza più volontà, senza chiedermi perché succedeva questo e cosa mi sarebbe accaduto poi. La cosa mi piaceva e mi intrigava e poi in fondo....restava in famiglia. Stavo carezzandomi la passerotta ancora inturgidita e bagnata quando mia madre tornò,stavolta con iindosso splendide calze velate e una guepiere, senza però mutandine. Si mise su di me a cavalcioni, il suo viso di fronte al mio...."Apri questa bocca, tesoro." Con una mano mi strinsele guance e io la aprii......fece colare la sua saliva dentro la mia bocca, a lungo. Io ormai senza più volermi opporre la trattenevo a lungo prima di deglutire. Quella dolce cascatella andò avanti per un po. " Mamma, sei bellissima. Cosa mi fai ora?" chiesi. "Adesso piccola, fai vedere alla tua mamma come sei brava con la lingua. Ti devi impegnare davvero e se sarai brava per premio passeremo al mio lato b." Non ebbi il tempo e non volevo replicare per niente e mi ritrovai a lavorare con la lingua quella bellissima passera di donna adulta. Mamma mugolava, gemeva di piacere e mi incitava a darci dentro. Non credevo avrei mai fatto una cosa del genere ma era davvero fantastico. Esplorai e leccai a lungo la sua figa oramai rovente ed ebbe un primo orgasmo travolgente, riversando nella mia bocca i suoi umori che mandai giù avidamente. "Oh mamma, sei stupenda. Se ti giri ora ti slinguo per ...
    bene quel favoloso culo che hai." dissi ormai senza più freni " Bravissima amore mio. Così ti voglio sentire parlare. E ora dacci dentro col culetto della tua mamma, voglio sentire la tua lingua entrarmi per bene nel forellino." si girò, le afferra i i fianchi e......bhè, me lo gustai davvero a lungo, lecccandola per mene in mezzo alle natiche, baciandogliele e insalivandogliele e infilando la mia linguetta nel buchino fin dove potei. Era favoloso, provavo vergogna e benessere allo stesso tempo. Succhi ai avidamente il buco di mia madre mentre sentivo che si smanettava la passerà. Ebbe un secondo orgasmo, violento e si getto via da me, sul letto in preda a convulsioni per la violenza di quella venuta. Avevo la bocca e il viso pieni dei suoi umori ma non mi alzai per pulirmi. Mentre mia madre si riprendeva, presi a masturbarmi. Dopo pochi minuti, lei si riebbe e fu di nuovo su di me. "Ora piccola passiamo ad un altro gioco ma stavolta ti impegni sul serio, fai vedere alla tua mamma e al tuo papi quanto sei brava e ci vuoi bene." papi? Non ebbi il tempo di pensare che due braccia muscolose mi afferrarono e mi trascinarono con la testa oltre il bordo del letto. "Ciao piccola. Adesso apri bene la boccuccia e manda tutto giù". era mio padre, anche lui 45 anni ben portati e come pievi vedere con un arnese da attore porno e due palle veramente enormi. Campeggiavano sul mio viso in attesa. Fu mia madre a rompere gli indugi, a tapparmi il naso per farmi aprire la bocca e ad aiutarlo a ...
«12»