1. La schiava jali 3


    Data: 11/10/2017, Categorie: dominazione, Autore: jali, Fonte: EroticiRacconti

    L'indomani mattina mi svegliai e rimasi circa mezz'ora ad aspettare un ordine per muovermi. Nel frattempo decisi di giocare con il cazzo che avevo nel culo per passare tempo. Il mio padrone mi spió da dietro la porta, entro e arrabbiato come una bestia mi frustó il culo e le cosce per 25 volte. Poi mi mise a novanta e mi infilò il cazzo con cui giocavo fortissimo e non smetteva. Io quasi piangevo e lui ripeteva -Ti é piaciuto fare la troia senza il mio permesso? Ora piangi e godi perchè lo decido io-. E ancora continuava, mi sculacciava, mi tirava i capelli. Poi finí il suo gioco. Mi lasció sfinita sul materasso. Peró mi levó il cazzo da dentro il mio culo finalmente. Dovevo urinare. Dentro un bicchiere ho fatto la mia pipí, poi me la verso addosso. -Adesso che sei una sporca puttana va a farti la doccia, ti aspetto giù per la colazione-. Finí la mia doccia. Scesi giú dal mio padrone, al solito c'era il mio piatto ad aspettarmi a terra, questa volta c'era un cornetto alla crema e acconto le feci del mio padrone!!!. Con attenzione fui obbligata a mangiare il cornetto, molto buono, ma con l'odore delle sue feci. Poi iniziai a ripulire e mettere in ordine un po la casa del mio padrone. Lui mi diceva cosa dovevo fare e io lo facevo. Quando ho finito, ha detto che mi ricompensava, mi fece sedere sul divano e mi fece aprire le gambe. Prese due cazzi, prima uno e poi un altro e andarono nei rispettivi buchi. Il cazzo del mio padrone andó nelka mia bocca. Avevo tutti e tre i buchi ...
    pieni. Mi piaceva tanto, mi sentivo una puttana, lo ero. Lui diceva -Brava troia, un cazzo a te non basta talmente sei puttana! E io ti accontento. Più tardi ancora di più, c'e un pensierino per te-. Non immaginavo lontanamente a ció che mi aspettava nel tardi. Cioé per l'orario di pranzo, preparai i piatti per 12 persone. Compreso il mio a terra. Aspettava ospiti. Arrivati queste persone si accomodarono, e dopo un pó il padro e mi chiamó. E arrivai. Mi disse -Presentati a loro mostrandole i tuoi buchi e dopo ripulendole i piedi a ognuno di loro. E cosí feci. 6 uomini e 4 donne erano. Delle voci esclamavano -Sei solo una povera serva, che pena che mi fai!- Spero succhi bene i cazzi o ti fai sfondare il culp da tuttu noi, ma giá si vede che sei una cagna in calore chissá come ci farai divertire! Alla fine si sedettero al tavolo. Il mio padrone mi ordinó di salire sul tavolo e mettermi a novanta. Io al centro e tutto il resto seduti attorno a me. Inizia una di loro a toccarmi il viso, a darmi schiaffi, mi infilava dita in bocca, fino alla gola. Poi va ai capezzoli, li strizza, li palpa. E attacca due mollette. Poi continua a infilarmj dita in bocca. Arriva un altro che va dietro, nel culo, gli sputa, lo massaggia, mi ripeteva che avevo un buco enorme e profondo, mette un dito dentro e mi ordina di muovermi e scoparmi il suo dito. Nel frattempo il mio padrone mi avvicina un vibratore e lo attacca al massimo sul mio clitoride. Un piacere infinito. Un signore mi legó i polsi dietro ...
«12»