1. Nuova meta


    Data: 11/10/2017, Categorie: etero, Autore: Lady.A., Fonte: EroticiRacconti

    "ehi, ci vediamo?" Fu il messaggio di John e naturalmente non voleva mica parlare! Era tardo pomeriggio, il tempo di attendere la cena, scegliere un vestitino raso fichetta, scarpe comode e via! Attendevo che mi venisse a prendere col suo bolide ed ero eccitata al pensiero di godermi un'altra serata! Lui, solito ritardatario portava un pinocchietto che metteva in risalto il suo enorme pacco, nonostante fosse seduto, nonostante non fosse ancora sull'attenti. Appena arrivato mi disse che mi consentiva di scegliere i giochi ed il luogo, e, credetemi se ve lo dico,non avevo mai avuto l'occasione di comandare io. Presi la palla al balzo e senza dirgli la meta gli feci da navigatore. Lo stavo portando in un posto dove la natura richiamava la bestia interiore! Era una notte stellata e il suono delle cicale ci faceva da sottofondo. Ci fermammo dopo aver percorso molte curve e molte stradine delle quali lui non aveva memoria. Eravamo su di una collina contornata da qualche villetta isolata. Scesi dalla moto e liberai dal casco i miei lunghi capelli ricci e mori. John mi afferrò letteralmente il culo con una presa vigorosa e, alzando il vestitino, attestò che, a questo giro, non avevo nient'altro che la mia fichetta ed il mio culo! Uno sguardo a dir poco strabiliato considerando che in sole due volte mi stava trasformando in una puledra selvaggia, come lui stesso mi definiva. Decisi che era il momento di destreggiarmi una volta per tutte e di usare il sesso che madre natura mi aveva ...
    dato! Lo feci avvicinare per leccarlo sul collo mentre gli mastriavo il cazzo e lo tormentai fin quando non mi ricambiò il favore di diventare duro come una mazza! Bastò veramente poco, così, in preda alla mia eccitazione, e senza pensarci due volte, mi privai di quello straccetto che avevo indosso e del reggiseno. Mi sedetti sulla sua moto e cominciai a spingere la mia fichetta sul sedile della sua moto, avanti e indietro, per sentire il mio clitoride accendere i miei umori. A John piaceva, e come se non piaceva! Si slacciò il pantalone e caccio fuori la sua asta in tiro cominciando a segarsi. Piu lo guardavo segarsi e più aumentavo il movimento! Stavo bagnando il sellino, ma a lui non importava, anzi, ansimava come un animale. Dopo il primo orgasmo, seguito da mugolii, mi alzai per andare verso di lui a succhiarlo. Un cazzo che non trovava pace, che mi toccava l'ugola dando immenso piacere a John. Mi bagnai due dita e cominciai a martellarmi la fica, tanto veloce che diventava difficile concentrarmi anche sul suo cazzo. Stanco di preliminari mi fece alzare e mi fece appoggiare con la schiena su di una parete di muro. Tra un morso ed una leccata sul collo mi penetrò talmente forte che gemetti! Mentre consumavamo i nostri piaceri sentimmo in vicinanza una coppia ansimante. A voi è mai venuta voglia di sfidare qualcuno nelle vicinanze a godere? Beh, a noi si! Non sapevamo dove fossero ma come noi sentivamo loro, loro avrebbero sentito noi! John era stupefatto da tanto senso ...
«12»