1. Un addio speciale


    Data: 11/10/2017, Categorie: Tradimenti, Autore: GattoNero74, Fonte: Annunci69

    Perché cominciare dalla fine di una storia ? Perché forse è il ricordo più bello ed intenso ma allo stesso tempo triste e carico di speranze infrante di una vita alternativa... Sono passati ormai più di dieci anni da quella sera in cui "E" (la mia quasi amante di quel tempo) mi lasciò nel più tremendo ed eccitante dei modi per seguire la sua vita. Ci conoscevamo da tantissimo tempo, ma solo nell'ultimo anno era nato tra noi un feeling speciale che era un mix di amicizia, malizia, erotismo e complicità. Ma si sa le cose belle durano sempre poco e i rimorsi e la coscienza gioca brutti scherzi soprattutto nella mente di una donna. Appunto la coscienza... io che mi ero fatto trascinare mio malgrado in una vita di coppia stabile con un'altra donna che sapevo già di non amare, vivevo con "E" brevi momenti di felicità rubata. Momenti fatti di dolcezza e passione, di intensi baci e voluttuose carezze intime, e mentre godevamo di quegli attimi nelle nostre menti le nostre coscienze ci torturavano. La mia perché in quei momenti ero il più meschino dei fedifraghi mentre in quella di "E" perché stava tradendo con me una delle sue migliori amiche... Ma mentre io riuscivo a sopire la mia coscienza per gioire di quei momenti, per "E" invece diventava sempre più uno strazio insostenibile fino a decidere di dare un taglio alla nostra storia. Una sera "E" mi mando un breve SMS: "Sei a casa da solo ?" "Si lei è via fino a tardi, vuoi passare da me ?" "Si ma solo due minuti devo dirti una ...
    cosa" "Ok ti aspetto" tempo di inviare l'SMS di risposta "E" aveva già suonato il campanello di casa. Era rimasta in macchina sotto casa in attesa che la mia lei se ne fosse andata. "Ciao che succede" le dissi dandole un bacio sulle labbra "Devo dirti una cosa" sospirò mentre una lacrima cominciava a scendere sulla sua guancia, "mi sento un verme, io sto bene con te adoro come mi baci e mi tocchi, ma ora basta non sopporto più di fare tutto di nascosto e di tradire un'amica. Tu sei sua e non ho il diritto di intromettermi tra voi" Io ero ammutolito, non sapevo che dire... ero stordito da quelle parole e d'improvviso il piccolo castello di felicità che mi ero costruito stava crollando. Non sapevo che fare e la strinsi a me e la baciai appassionatamente. Sentivo il suo seni morbidi contro il mio petto, istintivamente le infilai una mano nei pantaloni ed andai ad accarezzare le sue morbide natiche calde. Sapevo che le piaceva ed infatti si strinse ancora più forte a me strofinando il suo sesso strizzato tra gli slip ed i pantaloni contro la mia gamba. Sentivo che già si stava eccitando, ma d'improvviso si stacco da me. "No, non è giusto sono venuta qui per dirti addio". Restai di nuovo ammutolito. Feci per baciarla di nuovo ma lei mi fermò "Ho detto che sono venuta per dirti addio, ma lo voglio fare in modo speciale, per l'ultima volta. Non parlare e vai a sederti su divano". Non potei far altro che obbedire. Mi sedetti sul divano, le si mise in piedi davanti a me e cominciò a ...
«12»