1. Bionda naturale dominante 2


    Data: 11/10/2017, Categorie: dominazione, Autore: Giovanni Maria, Fonte: EroticiRacconti

    "Bravo, mi piace la gente sincera." disse lei protendendosi sul tavolo verso di me "Ma io ti piaccio proprio o sei in cerca di una scopata a buon mercato e basta?" Le dissi che a me piaceva davvero, anche se fumava e aveva una risata davvero squillante e mi sarebbe piaciuto avere una bella storia, almeno un inizio, poi il tempo avrebbe detto la sua. "OK , sono sicura che ora vorresti portarmi da qualche parte" disse con un sorrisetto malizioso. Io in effetti avevo pensato di fare una capatina al belvedere, tanto per continuare quella conversazione in ambiente più riservato. "E belvedere sia!" mi prese per mano e pagato il conto salimmo in auto e via verso il belvedere. Giunti sul posto e parcheggiato lontano dalle altre vetture, ebbi appena il tempo di aprir bocca che lei mi mise una mano sulle labbra come per zittirmi, mentre con l'altra prese ad armeggiare la cintura dei miei pantaloni. "Stai zitto e non fiatare. Da adesso in poi, l'unica cosa che voglio sentire uscire da quella bocca è sempre e solo si mia Signora e quando starai per venire solo un bel godo mia Signora. Ero di sasso! Mi tirò un po indietro lo schienale e mi ritrovai cin uccello e palle tra le sue mani... Lo prese decisa in bocca e in pochi secondi divenne duro come il marmo. Una mano alla base, una che mi strizzava per bene i testicoli e un su e giù totale, quasi volesse ingoiarselo tutto. Ogni qualche secondo mi lasciava i testicoli per smanettarmi in mezzo alle natiche, strofinando decisa il mio buco ...
    del culo. Io ero in preda all'estasi e non dissi nulla per questo e come si dice, mi godetti la corsa. Un'ultima decisa strizzata ai coglioni e stavo per venire quando mi bloccò decisa la cappella stringendola violentemente e mise il suo viso davanti al mio con occhio severo. "Ricordati quello che voglio sentire!" Già, quasi ne lo scorda o. Venni copiosamente dopo un altro minuto di quel po pino da urlo al grido di " Godo, mia Signora, godo!!". Era il secondo po pino co ingoio della mia carriera ma questo era davvero speciale. Mentrevenivo copiosamente mmi spinse cin forza un dito su per il culo facendomi trasalire e gemere dal dolore. "Perché?" chiesi "Stai zitto e non fare domande." fu perentoria mentre spingeva più a fondo il dito e riprendeva a succhiarmi per bene. Ebbi un altro fiotto di sperma che lei ingoiò come il primo e poco dopo avermi estratto il dito dal mio buco dolorante, squillo il suo cellulare. Eravamo begli anni '90 e le suonerie erano oltre il ridicolo oltre che le dimensioni di antenna e tutto il resto. Preso il telefono lei fu perentoria " Ora stai zitto e non fiatare o di dita nel culo te ne prendi due." Rispose al telefono. Dal tono e dai vari amore e tesoro capii che quantomeno era fidanzata. Rimasi molto deluso, avevo pensato ad una storia tutta per me, finalmente. Chiusa la comunicazione, accennai un "ma".....seguito dalle due dita promesse che mi pianto in culo con una velocità impressionante. Spingeva e spingeva e io non potei fare a meno di genere ...
«12»