1. Il casotto


    Data: 12/10/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: robbysexmodena, Fonte: Annunci69

    Ci andavo spesso a trovare i miei nonni fino a qualche anno fa. Tre anni per la precisione. Vivono in Puglia. Un posto bellissimo e tranquillo, la loro casa si trova a un centinaio di metri dal mare. La prima casa si trova a qualche chilometro dalla loro. Proprio dove inizia la spiaggia mio nonno aveva fatto costruire un casotto per l'estate, tutto attrezzato, dove io e mio cugino Alex passavamo praticamente le vacanze. In quel casotto è cominciato tutto. Da ragazzini, noi due eravamo sempre nudi in una spiaggia completamente deserta, era normale per noi, dai nonni non abbiamo mai usato il costume. Eravamo tutti e due curiosi, specialmente sul sesso di sua sorella. Mi sono sparato delle gran seghe pensando alla fica di mia cugina. Avevamo cominciato a sperimentare su di noi i piaceri del sesso, inizialmente accarezzandoci, poi succhiandocelo a vicenda ed infine, una volta, eccitati e intrigati dal fatto di essere rimasti soli a casa, abbiamo provato ad incularci. Io non ci sono riuscito ma mio cugino si. GA_googleFillSlot("Annunci_300x250"); Abbiamo continuato così per parecchie estati, era diventato il nostro divertimento quotidiano quando tornavamo per le vacanze. Quel pomeriggio non eravamo soli come pensavamo, Luigi non era andato con gli altri in paese. Dopo esserci fatti il bagno in mare, io e Alex siamo andati nel casotto. Ero sdraiato sul letto, mentre mio cugino me lo metteva nel culo, quando l'ho visto che curiosava dalla finestra. Ho fatto finta di non vederlo. ...
    Luigi era il ragazzo di mia cugina Rina, la sorella di Alex, aveva circa venti anni, due più dei miei. Quell'anno erano venuti insieme a passare le vacanze con noi. Molto simpatico, bello ed intelligente, tutti noi eravamo affascinati da lui, le donne di casa specialmente. Alcuni giorni prima che ci scoprisse, l'avevamo sorpreso dietro le dune che si faceva succhiare il cazzo da Rina. Aveva un cazzo enorme e lei lo succhiava veramente bene. Mentre lui si inculava quella troia di mia cugina, io e Alex ci siamo sparati una gran sega. Quella sera mi ero allontanato lungo la spiaggia, gli altri avevano acceso un gran falò, ridevano, cantavano e bevevano davanti al fuoco. Avevo voglia di stare da solo e fumarmi una canna per conto mio. Ero turbato dal fatto che Luigi ci avesse scoperto, non sapevo come comportarmi una volta davanti a lui, ora sapeva! Faceva veramente molto caldo quella sera, mi sono spogliato nudo e mi sono tuffato in mare, si stava così bene. Quando sono tornato al casotto ho trovato Luigi con delle birre. “Oggi sei proprio un asociale! Dai vieni qui che ci fumiamo questa canna. È roba buona.” “Avevo solo voglia di stare un po' da solo!” Era molto tempo che non fumavo e quella canna mi aveva veramente sballato! “Preoccupato?” “Per cosa!” “Per quello che ho visto!” “Cosa hai visto zio?” “Il tuo cuginetto Alex che ti inculava, ecco cosa ho visto! Tranquillo Robby, non lo vado certamente a dire in giro, però che bei frocetti che siete voi due. Era veramente eccitante ...
«1234»