1. A Casa della Mammina


    Data: 12/10/2017, Categorie: Etero, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Incontro con la MamminaArrivo sotto casa sua la chiamo e mi faccio dire dove suonare e a che piano (ultimo piano niente ascensore cominciamo bene), apre la porta e la trovo con una gonnellina nera che le arriva quasi sotto il culo una camicetta rossa qualche tagli più piccole e i suoi seni infatti restano su non per il reggiseno (mancante) ma per quanto sono costrette dentro quella camicetta sbottonata nei punti salienti. Mi invita a entrare con un sorriso e appena chiudo la porta mi salta subito a dosso stringendomi un bacio tutto lingua e strofinandosi addosso. Le stringo forte i sedere e la sollevo, ma lei mi ferma e mi dice di andare sul divano facendomi strada. Mi fa sedere e mi dice: " ti avevo invitato a farmi compagnia per la cena, quindi cominciamo dall’ aperitivo", mi slaccia i pantaloni e comincia farmi un sontuoso pompino ingoiando tutto e massaggiando con la lingua, non trascura nessun centimetro e dedica particolare attenzione soprattutto alle palle, resisto per dieci minuti e l avviso che sto per arrivare ma lei non si stacca manda giù tutto stando attenta a non perderne neanche una goccia, si passa un dito sul labbro raccogliendo l ultimo filamento di sborra e dopo averlo ciucciato : " davvero un buon cannolo (dolce tipico siciliano delle mie parti) anche la ricotta era squisita . Si siede accanto a me e mi invita ad andare in cucina per cominciare a mangiare, ma li è il mio turno: " non mi sembra giusto tu l aperitivo non l hai avuto, stenditi sul divano ...
    che ricambio", mentre dico questo insinuo la mano sotto la gonna per sfilarle il perizoma ma lei alza e fa una cosa che vi giuro mi ha causato un mezzo infarto con tanto di paralisi celebrale.Si mette in piedi davanti a me si gira dandomi la schiena, divarica un po’ le gambe e si piega in avanti col busto, senza piegare le ginocchia sollevando quello straccetto di gonna; e mentre fa tutto questo mi dice: "immagino volessi togliermi le mutandine, ma vedi purtroppo a causa del caldo, in estate non mi piace mai indossarle".........IO QUI ERO IN STATO COMATOSO.......davanti a me una bella fica lucida e senza peli ( si sarà rasata per l occasione) a 5 cm dal mio naso; riprendo il controllo: " fai bene, ma a quanto pare nonostante tutto sembra che la tua passerina stia sudando (mi riferisco a un filamento di sbroda vaginale che le esce), permettimi di asciugarti", le arpiono il sedere con le mani ed incomincio il Più bel Bacio dell Amore (così lo chiamo) che abbia mai fatto.....tutta la lingua è dentro; bacio, mordo, succhio non trascuro niente e sotto quel trattamento lei incomincia a gemere come un ossessa, si infila una mano in mezzo per titillare il clitoride ma gliela levo perché ho fame pure di quello. Dopo dieci minuti anche lei cede e si lascia andare dandomi tutto il succo del suo amore. Ci ricomponiamo (scusa te se non vado molto nei dettagli della storia, quanto meno quelli superflui) e mi porta in sala da pranzo dicendomi di aspettare.Dopo qualche minuto che sono seduto ...
«1234»