1. Marina, la regina delle sabbie cap IV


    Data: 07/11/2017, Categorie: Feticismo, Autore: INOF, Fonte: EroticiRacconti

    “ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ti spacco l’ano AH AH AH AH AH” Marina poi si mise a pecora “ scendi dai, bravo così, dai che mi metto a pecora, ecco bravo in ginocchio, ora tartassami l’ano, si così, senza pietà…ooooooh si come scopi bene” girdò Marina Poi si distese allungò un piede e disse. “forza, sborrami sul piede” La faccia del soldato era più che stupita a questa richiesta che mai Marina aveva fatto a nessuno di un rango inferiore al suo. “forza sborrami sul piede” Il soldato prese il suo pene tra le mani e cominciò a sbatterlo con veemenza fino a toccare il climax La sborrata arrivò Pluuuuush, come un’ondata la sborra trasbordava sul piede di Marina, benedetto dal piacere dei due corpi. Il soldato guardava il piede ebanico di Marina intriso del suo liquido seminale con occhi stupefatti. Alche Marina disse: “leccalo ora” Il soldato si irrigidì, in effetti bere il proprio sperma non era tra le cose migliori che gli potessero accadere, ma quello era il volere di Marina e andava fatto. Cominciò a succhiare con tutta la forza che aveva in bocca, fino a quando la sborra sul piede di Marina non ci fù più. La inghiottiva a fatica, lentamente, era calda e aveva un sapore acre. Marina lo osservava deliziata mentre con tutte le forze cercava di non pensare a ciò che stava facendo e ingoiava il suo liquido seminale biancasto. Una volta aver ubbidito completamente, il soldato esclamò: “ho leccato tutto mia signora, la sua carne mi ha fatto impazzire e le chiedo umilmente di ...
    essere perdonato se ho commesso qualche peccato”. Marina sorrise e dapprima fissò il suo piede e poi il pene del soldato per diverse volte fino a compiere uno scatto fulmineo. In meno di un secondo, con le unghie affilatissime del suo piede, Marina tranciò di netto il cazzo del soldato che cadde per terra sul deserto notturno. Il soldato nemmeo provò dolore, “perche? Perché mi fate questo, mia signora?” disse il soldaot in lacrime e mettendosi in ginocchio “ooh poverino, ti eri forse illuso?” sghignazzò Marina “ti eri forse illuso che io provassi veramente una qualche emozione per te? Poverino!” fece Marina accarezzandogli la testa. “volevo la carne e la ho ottenuta. E tu, schifoso verme, avendomi toccata hai peccato in maniera incommensurabile. Ti sei perfino permesso di piazzarmelo nel culo” strillò Marina dando un brutale schiaffo al soldato che cadde per terra a causa delle veemenza del colpo vibrato, E toccandosi la guancia su cui erano stampate le dita di Marina, disse piangendo “ma…signora, me l’ha ordinato lei…solo ed esclusivamente lei, perchè mi sta facendo questo?” “avresti dovuto capirlo, maledetto verme. Hai abusato della regina delle sabbie, pttu” Marina sputò in faccia al soldato e gli ordinò urlando “distenditi a pancia in su ora! Assorbirai ogni mio fluido adesso” Detto fatto, Marina, già completamente nuda, posiziono la vagina sulla bocca del soldato e cominciò soavemente a espellere l’urina dalla vescica. Il soldato inghiottì tutto e subito ma avendo vari ...
«12»