1. I miei incontri


    Data: 08/11/2017, Categorie: trans, Autore: bimba77, Fonte: EroticiRacconti

    Quanto seguirà è la descrizione di incontri realmente avvenuti.La sera di un Ferragosto,dopo una giornata passata abbastanza bene in compagnia,decisi che era giunto il momento per avere un esperienza con un transessuale.Dagli annunci sul giornale locale,trovai quello che mi pareva il più adatto per l'occasione. Telefonai e mi fissai un'appuntamento. Mi feci una doccia accurata ed un piccolo clistere per sicurezza e tutto eccitato partii per l'incontro. Parcheggiata l'auto ad una certa distanza mi incamminai verso l'indirizzo indicatomi.Strada facendo entrai in un bar ed ordinai un caffè corretto,tanto per togliermi le ultime inibizioni e proseguii.Giunto davanti al portone, come da accordi feci uno squillo con il cellulare, mi rispose:" Secondo piano" - e lo scatto che apriva il portone. Feci le scale con relativa calma,giunto al piano sentii aprirsi una porta ed una voce "Vieni entra" -.Senza notare bene chi fosse entrai e lei dietro a me chiuse rapidamente la porta, e mi fece andare direttamente in camera. Solo ora la vidi chiaramente. Era mulatta di circa 1,65 indossava una maglietta bianca che a stento copriva un paio di tette esagerate, mutandine nere e piedi nudi,con unghie laccate in scuro.Seduto sul letto si presento -" io sono Anita"- ed io feci altrettanto. Stava in piedi davanti a me, ed i miei occhi andarono subito alle mutandine,le quali non mostravano alcun rigonfiamento.Per un attimo mi venne il dubbio di aver sbagliato,non volevo una donna.Alzai lo sguardo e ...
    vidi che stava aspettando le mie mosse.Abbassai le mutandine ed ecco che apparve un membro scuro,moscio,peli pubici rasati e sotto penzolavano due coglioni enormi in uno scroto peloso.Lo presi in mano e lo portai alla bocca.Non era la priva volta che lo facevo,anzi anche di culo non ero più vergine,ma era parecchio tempo che non sentivo il sapore di un cazzo.Appena entrò nel mio cavo orale riconobbi subito il gusto e l'odore ed iniziai a succhiarlo.Che meraviglia,sentivo che si induriva ed ingrossava, ci volle poco che arrivasse ad erezione completa e continuai a lavorarlo di bocca.Era un cazzo di dimensioni normali, circa 15 cm con una cappella piccola.Continuai ancora qualche decina di secondi e poi mi alzai. " Spogliati,amore" - mi disse, e così feci,nudo completamente. "Sei già pronto" - fece lei vedendo il mio uccello ritto che mi faceva male." Già" - risposi - " Vuoi che prenda un vibratore?" -chiese - "Va bene" - replicai. Dal cassetto del comodino estrasse il classico vibratore bianco, lo coprii con un preservativo," Mettiti alla pecorina" - A carponi sul letto,sentivo la punta dello strumento che forzava il mio buco,e pian piano si fece strada nelle mie viscere,lo accese e con maestria lo muoveva avanti ed indietro roteandolo,-"Ti piace?"- "Sì,continua" - Un paio di minuti ancora e smise, mi girai e mi distesi.Si avvicino e con sapiente lentezza me lo prese in bocca e cominciò a succhiarlo mentre con la mano mi massaggiava le palle." Sei bravissima Anita" - mugolai ...
«12»