1. Ma io ti conosco...


    Data: 18/11/2017, Categorie: Sensazioni, Etero, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    "Ma io ti conosco"...Con questa esclamazione tu sconosciuta dal sorriso compiaciuto, mi distrai dai miei pensieri in questo pomeriggio di inizio giugno, mentre aspetto l'autobus per tornare a casa.L'attesa sotto questo sole che ti scalda e ti confonde, mi obbliga a riordinare i pensieri.Dalle pieghe della memoria nel mettere a fuoco il tuo viso, riemerge un nome..."Caterina... sei proprio te?" mi esce spontaneo senza nemmeno che io me ne renda conto.Ne è passato di tempo, per la precisione quasi 9 anni.Nove anni da quell'estate che mi ha fatto provare per la prima volta quello che comporta l'essere innamorati.La dolcezza del tuo sorriso, la sfrontatezza del tuo sguardo divertito sono rimaste inalterate. Sei proprio te.Il tuo viso conserva ancora quella spensieratezza. Il tuo corpo sinuoso invece testimonia il tuo essere diventata una splendida donna...Senza dire nulla l'abbraccio è inevitabile. Più bassa di me sei costretta ad alzarti in punta di piedi. Ed io a chinarmi.E mentre le nostre guance si toccano e si sfiorano per scambiarci dei baci carichi d'affetto e di nostalgia, posso assaporare il profumo dei tuoi capelli. Lo stesso profumo che in quell'estate e durante quel camposcuola, avevo imparato ad amare in tutti i momenti trascorsi assieme.Quante parole, quanti silenzi, quanti sguardi timidi e quant'altro..."Quale onore ti ricordi ancora il mio nome?" mi dici divertita. O meglio, non capisco se sia una domanda o un'affermazione, so solo che oggi la mia lingua dice ...
    tutto ciò che penso, senza che il mio lato razionale possa farci nulla e quindi il mio cuore ricordandoti ti dice: "Come potrei mai dimenticarlo?"E il tuo volto, si illumina in uno di quegli splendidi sorrisi che mi avevano fatto innamorare di te, nell'innocenza dei miei 16anni. Innocenza che con te è stata incrinata e che questi anni hanno portato via.E mentre ci confidiamo cosa ci ha riservato il destino in questi anni, continuano a riemergere ricordi di noi due.Mentre mi dici che ti manca un esame per laurearti, mi ricordo di quando nel corso dell'escursione, protetti dai massi di quel torrente ti diedi il mio primo bacio.Mentre ti dico che sono diventato ingegnere, mi ricordo l'eccitazione nel vedere il reggiseno sotto la tua maglietta bagnata nel corso dei giochi con l'acqua.Mentre mi dici che sei fidanzata e hai dei progetti seri, ricordo quando nel corso della veglia alle stelle, sotto una via Lattea che chiedeva solo di essere ammirata, noi due abbracciati ci crogiolavamo nelle sensazioni che i nostri corpi si trasmettevano l'un l'altro, con te accucciata contro il mio petto. Credo sia anche merito tuo se nelle serate sgombre da nuvole resto per ore a guardare il cielo e le stelle.Mentre il tuo autobus sta per arrivare in fermata obbligandoti a salutarmi e a portarti nuovamente via da me, ricordo quell'ultima sera. Ricordo i baci carichi di desiderio, ricordo la frenesia delle nostre sfacciate carezze. Ricordo i nostri sospiri e la paura di essere scoperti. Ricordo il ...
«12»