1. Una moglie crocerossina Parte IV ... La signora Maria


    Data: 19/11/2017, Categorie: Dominazione, Sensazioni, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Erano passate tre settimane da quella sera , e Teresa non aveva ricevuto più alcun trattamento particolare , cosa che l'aveva lasciata stupita ma anche delusa , oltre al saluto mattutino il suo compito era quasi sempre lo stesso ... Lavare quella sala completamente nuda . L'unici eventi che gli causarono delle forti emozioni furono due: quando rimase per due ore incollata ai piedi di Maruja ad annusarli mentre lei sistemava i piatti e un massaggio con venerazione... niente di più .Quella mattina Teresa si diresse verso la cucina come al solito , erano le 6:00 era l'orario prestabilito da Maruja , appena entrò vide Maruja , si spogliò e si avvicinò e le baciò i piedi . Questa sentendo i suoi piedi toccati , vide sotto di lei quella donna bellissima che li baciava con passione e sorrise soddisfatta ; "buon giorno schiavetta !" , disse Maruja , "Buon giorno padrona "detto questo si mise in posizione di attesa perfettamente davanti a Maruja. "Oggi tu dedicare te a signora Maria" , Teresa si stupí e fu colpita da felicità , finalmente si sarebbe dedicata ad un ospite , " ma prima tu lavare stanza con questa spazzola e nuda" e le diede una piccola spazzola .Maruja si gustò la faccia preoccupata e anche eccitata di Teresa e decise di rincarare la dose , e mettendosi a sedere disse " tu non ringraziare me?!" , Teresa a quelle parole lasciò la spazzola e si gettò sotto i piedi di Maruja e li leccò entrambi con ardore , eseguendo il passaggio tallone-pianta-dita e superficie , e alla ...
    fine disse " la ringrazio padrona " , Maruja però guardandola in maniera insoddisfatta disse " e questa essere leccare piedi?! ... Ora tu rifare e finito un piede venerare me!" . Teresa riprese dal piede destro , e dedicandosi con tutta la passione lo lucidò a dovere e alla fine disse " lei … una padrona buonissima, é una dea che devo adorare , sono la sua felice schiava" e poi passò all'altro piede ed eseguito lo stesso lavoro disse " lei é una padrone dolcissima e io non posso che adorarla".Maruja si rese conto che Teresa era veramente pronta a tutto e sfilati i mutandoni e girandosi disse " ora leccare mio culo" , Teresa rimase di sasso ma quasi automaticamente agí, più si avvicinava e piú l'odore era forte , è arrivata all'orefizio iniziò a leccarlo e a penetrarlo con la lingua . Proseguí in questo modo per molto tempo , e Maruja si godeva ogni attimo di quel lavoro. " ora basta lecca culo vai a lavorare " è detto questo Maruja si alzò e prese i mutandoni, mentre Teresa preso lo spazzolone si diresse verso la sala.Erano le 9:25 quando terminò, aveva le gambe e le braccia un po' doloranti , ma ormai erano abituate a restare sul pavimento , si volse verso il corridoio che portava alla cucina e li c'era Maruja che la osservava , provò una fitta di piacere , aveva visto tutto il suo lavoro, come faceva sempre . La raggiunse e si rimise in posizione di attesa davanti a lei , " tu essere stata brava! , tenere tuo straccio " e lo buttò a terra vicino Teresa, ella si chinò e lo ...
«12»