1. ...La signora insoddisfatta...


    Data: 23/11/2017, Categorie: Prime esperienze, Autore: Attilaaaa, Fonte: Annunci69

    Mancavano pochi giorni all'estate,l'aria era afosa e nel bel mezzo della giornata ricevetti una chiamata sul cellulare era la mamma di una mia amica vicina di casa,dopo i soliti convenevoli mi chiese se sapevo riparare il rubinetto della lavatrice che si era rotto ed essendo il fine settimana non avrebbe potuto chiamare nessuno idraulico fino al lunedi seguente. Le risposi che potevo ma dovevo verificare di avere i ricambi disponibili e che l'avrei richiamata dopo aver verificato. Dopo una mezz'ora la ricontattai e ci mettemmo d'accordo per vederci l'indomani per cercare di riparare il guasto, il giorno seguente andai a casa della signora che mi aspettava, mi aprì la porta e subito mi balzò agli occhi la sua mise...una maglia bianca semitrasparente senza reggiseno che lasciava intravedere le sue enormi tette una (5° abbondante) e una minigonna. Entrai con la mia borsa degli attrezzi e subito notai che in casa non c'era nessuno perchè andati al mare visto la bella giornata. Dopo un bel caffè preparatomi dalla mamma della mia amica e un pò di lamentele per le varie facende domestiche non svolte da parte dei membri della famiglia mi preparai ad esaminare il problema,dopo aver spostato la lavatrice posta sotto un mobile mi accinsi a raggiungere il rubinetto, chiesi alla signora di passarmi la chiave inglese per svitare il rubinetto, essendo steso sotto al mobile, la signora mentre mi porgeva la chiave abbassandosi le uscirò le tette fuori dalla maglia,facendo finta che non ...
    avevo visto niente continuai a lavorare come se niente fosse successo, mentre stavo preparando il nuovo rubinetto mi accorsi che non avevo portato con me il teflon e dato che mi scocciavo di ritornare a casa se pur vicina chiesi alla signora di vedere negli attrezzi del marito se c'era. La signora mi disse di seguirla e di guardare io stesso perchè non sapeva di cosa parlassi, scesi nel ripostiglio lei mi chiese di salire sulla scala ed arrivare ad un piccolo soppalco, siccome lo spazio era angusto le chiesi se poteva salire lei visto la mia fobia degli spazi piccoli, mentre io avrei mantenuto lo scaletto. Visto il precedende episodio ero un pò agitato e in quel mentre la signora posizionava la scala vari pensieri mi assalivano e all'improvviso sentì il mio arnese divenire duro, un pò imbarazzato perchè non mi era mai capitato di eccitarmi pensando ad una donna più grande (soprattutto alla mamma di una mia amica) cercai di nascondere l'evindente erezione cercando di pensare ad altro. La signora passando per salire sulla scala si strovinò con il suo sedere sul mio arnese duro soffermandosi un attimo e poi salì sulla scala. Mentre mantenevo la scala per evitare che potesse scivolare, alzai la testa per prendere il cassettino degli attrezzi che la signora mi stava passando e notai che non portava le mutandine,la cosa mi fece eccitare ulteriormente ma cercai di non pensarci e così risalimmo al piano di sopra per completare il lavoro. Completato il lavoro riposizionai la lavatrice ed ...
«12»