1. Mia moglie in vetrina 3


    Data: 25/11/2017, Categorie: Esibizionismo, Autore: Mister O, Fonte: EroticiRacconti

    Sono Mister O. Ci conosciamo e scriviamo con molti di questo siti e non solo. Siamo veramente in molti a condividere un TARLO, mettere la moglie in vetrina. Esibirla, creare delle situazioni speciali, forti, per metterla al centro di sguardi e commenti molto indiscreti. La mia signora ha 40 anni e per molti di voi è' veramente sensuale. Lei naturalmente conosce solo in parte il mio desiderio è non Intuisce nemmeno che io stia scrivendo qui. Non ho voglia di darla al primo venuto o farla cadere tra le braccia del peggior maniaco. No, assolutamente. Per chi mi può capire, sono alla ricerca di sensazioni. Attimi che ti tolgono il fiato, ti fanno girare la testa e attentano le più logiche regole etiche apprese nella vita. Come dire, una specie di perversione la mia. Siamo comunque tanti. Scrivetemi ancora, ho molto da mostrare. tuttofree2@libero.it. Ci divertiremo tanto. Ringrazio naturalmente anche le signore è con mio grande stupore le ragazze interessatissime alla mia vicenda e la mia signora. Grazie Sabato sera siamo usciti. Ennesima ignezione di adrenalina. Andiamo a mangiare una pizza. Facciamo qualche km in più. Volevo allontanarmi dalle mie zone. Ci tenevo. Arriviamo in un posto che avevo visitato con un amico dopo una trasferta di lavoro. Un posto molto spartano. Entriamo e si, perfetto. C è' un tavolo da due vicino a un tavolo con due tizi. Avete presenti quei tipi, modello agenti di commercio anni 70, Il primo almeno 60/65 anni con la panci, stempiato, anellone e ...
    camicia sbottonata un bel po'. Classico affarista itinerante, molto navigato. Il secondo magrolino, faccia rugosa, forse più giovane. Come ci sediamo, lei di schiena, io a godermi lo spettacolo. Lei si siede e il suo bel lato b, bello in mostra nel suo Leggins attillato. Ottimo... La mangiano tutto la sera. Il più anziano non faceva altro che cadere lì con gli occhi. L'altro intuiva, assecondava l'amico ma era più riservato. Il signore, agguantava la costoletta e scendeva con l'occhio tra le chiappe della mia signora. Lei non aveva capito. Parlavamo e con la coda dell'occhio beccavo sempre i due tizi. Lui ogni tanto, controllava se io fossi accorto, per non farsi beccare, in realtà facevo finta di niente. Ero molto eccitato...dovevo andare in bagno. Arrivato in fondo alla sala, appostato dietro un muretto, Gustavo tutta la scena. Mia moglie si gira leggermente per prendere la sua borsa, quando il più audace dei due, da cadere la sua forchetta. Lei si gira e lui, subito si prodiga con le scuse ed i convenevoli. Lui parla, lei rimane lì educatamente ad ascoltare. Da bravo commerciale, gestiva tutto lui. Parlava e gesticolava. Poi eccolo lì, si avvicina...piano piano. Prima poggia un braccio sulla sedia, allunga una gamba e opla' fa uno scatto in avanti con la sua sedia. L'amico a sua volta, da dietro, cambia seduta e va a finire in quella più vicina a mia moglie. Passano forse 5 min. Lui parla e sorride. Mia moglie annuiva, cercava di seguire il discorso, forse i discorsi. Comunque ...
«12»